Fondazione Dolomiti Unesco, il bilancio della presidenza altoatesina

Pubblicato il 13 Maggio 2016 in Territorio, Turismo

dolomiti  

Gestione «partecipata» di turismo e carte in regola per l’ispezione dell’Unesco, prevista per l’autunno prossimo. Si chiude oggi, 13 maggio, la presidenza della provincia di Bolzano nella guida della Fondazione Dolomiti Unesco. L’assessore provinciale Richard Theiner passa il testimone a Mariagrazia Santoro, assessore regionale al Territorio del Friuli Venezia Giulia. Si chiudono così i tre anni – la nomina è a rotazione – di presidenza altoatesina.

“Nell’ultimo triennio abbiamo lavorato intensamente e siamo pronti all’ispezione dell’UNESCO prevista nell’autunno 2016”, sottolinea il presidente uscente, l’assessore provinciale all’ambiente Richard Theiner. Sono state create tutte le premesse per rispettare le prescrizioni imposte al patrimonio naturale mondiale. Una di queste riguarda la strategia di gestione del sito orientata a un turismo nelle Dolomiti secondo modelli ecologicamente sostenibili e una mobilità meno impattante. “La strategia di gestione e turistica è stata elaborata attraverso un processo partecipativo unico nel suo genere ed è stata approvata nel dicembre 2015 dal Consiglio della Fondazione. È sicuramente la pietra miliare della presidenza altoatesina”, aggiunge Theiner.

La strategia si articola in quattro tematiche chiave, che comprendono obiettivi e misure concrete: il tema “Patrimonio” si occupa della tutela attiva delle particolarità del paesaggio e della geologia dell’area dolomitica. Il tema “Esperienza” vuole invece valorizzare una migliore gestione dei flussi dei visitatori e la promozione della mobilità sostenibile. Il tema “Comunità” punta invece a promuovere la consapevolezza della popolazione locale verso il bene mondiale UNESCO, a rafforzare lo scambio culturale e a valorizzare i prodotti locali. Infine il tema-chiave “Sistema” riguarda il coordinamento e la messa in rete delle attività e della conseguente collaborazione tra le istituzioni e gli altri attori. Tra gli obiettivi strategici Theiner ricorda “il no a nuove aree sciistiche nell’area patrimonio mondiale, la certificazione ambientale per le imprese turistiche, le misure per attuare una mobilità sostenibile nelle Dolomiti.” La piattaforma digitale comune per i mezzi di trasporto pubblico è già una realtà, ricorda Theiner, “e di una soluzione affidabile per il traffico sui passi dolomitici si sta già discutendo. Tutti devono fare la loro parte”.

Contenuti e obiettivi della strategia turistica e gestionale del patrimonio Dolomiti – suddiviso tra 5 Province e 3 lingue – sono stati presentati da Theiner in marzo ai responsabili UNESCO: a Roma (dove ha incontrato il segretario generale della Commissione italiana Lucio Alberto Savoia e il futuro vicesegretario Giovanni Zanfarino) e a Parigi a Mechtild Rössler, direttrice di Ripartizione della sede centrale dell’UNESCO. La presidenza della Fondazione passa da domani all’assessora regionale alle Infrastrutture e al Territorio del Friuli Venezia Giulia Mariagrazia Santoro, che avrà come vicepresidente Mauro Gilmozzi, assessore alle Infrastrutture e all’Ambiente della Provincia di Trento. “Nel passato triennio la Fondazione si è data una strategia di gestione del sito patrimonio dell’umanità che permette di proseguire il lavoro con lungimiranza”, conclude Theiner.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211