Menu

Famiglia e infanzia: dalla Provincia 3,6 milioni l’anno, partner forte gli Elki

Pubblicato il 4 Novembre 2015 in Culture

 

Quanto e come spende l’Agenzia per la famiglia della Provincia di Bolzano per promuovere i diritti dell’infanzia e la conciliazione fra famiglia e lavoro? Il bilancio per il 2015 ammonta a 3,6 milioni di euro, e comprende un pacchetto di misure che è stato presentato il 4 novembre dall’assessora provinciale alla Famiglia e Amministrazione Waltraud Deeg. I 3,6 milioni finanziano circa 80 organizzazioni che si occupano del rafforzamento precoce delle famiglie.

Schermata 2015-11-05 alle 10.13.08

Il 70% di queste risorse – dunque circa 2,5 milioni di euro – è destinato a finanziare l’attività annuale delle organizzazioni stesse. Ammonta a 1 milione di euro il finanziamento ai 21 Centri genitori-bambini (ELKI) dell’Alto Adige e altri contributi della Provincia vanno a strutture formative come la Casa della famiglia e il Katholischer Familienverband, l’associazione delle famiglie cattoliche. La quota restante del fondo annuale va a progetti innovativi e a sostegno di gruppi di gioco per la prima infanzia. Complessivamente sono circa 100 le richieste di finanziamento che arrivano annualmente all’Agenzia per la famiglia.

Schermata 2015-11-05 alle 10.13.57

Oltre a concedere contributi a enti pubblici e privati senza scopo di lucro, l’Agenzia per la famiglia è responsabile del progetto interdipartimentale “Famiglie più forti” che mette in rete attori e offerte esistenti e sviluppa ulteriormente le misure a sostegno delle famiglie, e si rivolge e informa le famiglie con iniziative proprie: i progetti “Lettere ai genitori” e “Bookstart” e il materiale informativo come “Infofamiglia” attualmente in fase di aggiornamento.

Aggiornare l’offerta è l’obiettivo a cui l’Agenzia sta lavorando, da un lato coordinando meglio l’esistente: «Riteniamo essenziale soprattutto coordinare meglio le offerte grazie a una migliore messa in rete di strutture e servizi» sottolinea l’assessora Deeg. Dall’altro aprendo a nuovi servizi, e qui si lavora a nuovi progetti nell’ambito di “Famiglie più forti”, per il rafforzamento precoce delle famiglie con tre ambiti prioritari: separazione e divorzio, pubertà, bambini da 0 a 3 anni.

«Gli obiettivi sono quelli di rafforzare la competenza genitoriale, preparare i genitori al ruolo educativo che li attende, migliorare le relazioni familiari per poter gestire in modo più rilassato la vita quotidiana in famiglia» dice Michaela Stockner dell’Agenzia per la famiglia. «È importante che i Comuni e le associazioni in loco diventino parte attiva perché sono loro l’istanza più vicina alla famiglia».

In rosso:

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211