Menu

Eye to the Dolomites, l’omaggio ai monti pallidi

Pubblicato il 6 Settembre 2016 in Culture, Territorio

 

Il product designer di Merano Harry Thaler con la sua opera «Eye to the Dolomites» ha creato un monumento alle Dolomiti, dichiarate Patrimonio dell’Umanità Unesco. «Eye to the Dolomites» si trova al passo Reiterjoch di Obereggen, all’interno dei nuovi sentieri tematici denominati “Latemarium”. Da Obereggen è raggiungibile a piedi o con la seggiovia panoramica “Oberggen-Oberholz”. L’attenzione del visitatore è calamitata da questa inedita sfera che rimanda al bulbo oculare, è realizzata in legno locale di larice con un diametro di 4,5 metri. L’installazione regala al visitatore una veduta esclusiva e privilegiata sulle Dolomiti. Con la riduzione del campo visivo, Eye to the Dolomites invita a focalizzare l’attenzione sul particolare che solo le Dolomiti sanno donare nella quiete della montagna che allontana la frenesia quotidiana.

Ispiratosi dall’artista statunitense James Turrell, che della percezione di luce e spazio ha concentrato la sua vita artistica, Thaler ha creato uno spazio all’interno della sfera in grado di stimolare il visitatore ad entrare nella struttura per una pausa rigenerante. Una panca offre al visitatore un privilegiato luogo per osservare il maestoso massiccio del Latemar nelle sue più variate sfaccettature a seconda del momento della giornata e dell’intensità della luce. Per Thaler è fondamentale che il visitatore acceda consapevolmente in questo spazio per assaporare emozionalmente la montagna. «Con questa opera» spiega l’artista «voglio offrire alle persone un modo per rilassarsi, percependo la bellezza della Natura circostante»

HarryThalerHarry Thaler è nato nel 1975 a Merano. Nel 2010 si è diplomato al Royal College of Art di Londra. Il product designer altoatesino vive a lavora negli studi di Merano e Londra. Le sue opere sono caratterizzate da una fusione di forme di design classico, tecniche tradizionali e alta artigianalità. Le sue opere sono un connubio tra funzionalità e atemporalità apprezzate a livello internazionale. Uno dei suoi lavori più conosciuti è il progetto Pressed Chair, oggi in produzione con Nils Holger Moormann. Altri prodotti di Thaler vengono distribuiti da Pulpo, Davide Groppi e Mubi. I lavori di Thaler sono stati esposti in tutto il mondo e hanno ottenuto svariati premi e riconoscimenti, fra cui il Monocle Global Retail Award (2014), l‘Interior Innovation Award a Colonia (2013), il Good Design Award al Chicago Athenaeum (2011) e il Conran Award (2010).

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211