«Eusalp, serve un cambio di passo per vincere le nuove sfide della mobilità»

Pubblicato il 25 Ottobre 2017 in Infrastrutture

 

Quali strategie seguire per incentivare il passaggio del traffico pesante da gomma a rotaia? Come gestire le politiche di traffico nell’arco alpino per minimizzare l’impatto paesaggistico e ambientale, migliorando così la qualità di vita dei residenti? Sono alcuni dei temi affrontati oggi (25 ottobre) a Bolzano durante la seconda conferenza sulla mobilità di EUSALP, la strategia macroregionale alpina che coinvolge 48 regioni di 7 paesi diversi e che vede l’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino alla guida del gruppo di azione che si occupa di mobilità. A margine dell’incontro, i presidenti della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher e del Land Tirolo Günther Platter, nonchè l’assessore trentino Mauro Gilmozzi, hanno illustrato le priorità nel corso di una conferenza stampa. «Le politiche legate a traffico e mobilità – ha detto Arno Kompatscher – rappresentano una sfida enorme per i nostri territori: possiamo affrontarle con successo solamente lavorando assieme».

Strategia comune

Il presidente altoatesino ha ricordato non solo l’importanza che le regioni dell’arco alpino sappiano collaborare ad una strategia comune, ma ha anche sottolineato l’importanza di aprire un dialogo con il mondo dell’economia e dei trasporti. “Non c’è dubbio che occorra un cambio di passo – ha spiegato Kompatscher – ma questa strada la dobbiamo percorrere assieme al mondo dell’economia. Le misure diventeranno realizzabili e avranno un impatto concreto solo se andranno incontro alle esigenze degli operatori e dei consumatori”.  Il presidente tirolese Günther Platter ha aggiunto che “politica ed esperti del settore sono chiamati a trovare una soluzione comune”, mentre Kompatscher si è concentrato su tre punti centrali: ampliamento della rete ferroviaria, infrastrutture digitali e riforma delle tariffe. «Attualmente per un’impresa è più conveniente trasportare le merci su strada, ed è dunque fondamentale rafforzare il corridoio su rotaia tra Monaco e Verona», ha spiegato il presidente della Provincia di Bolzano.

Mobilità sostenibile

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Platter, il quale ha ribadito che «l’autostrada viaggiante RoLa deve diventare più concorrenziale, e un contributo importante potrà arrivare dalle stazioni di carico di Wörgl e Trento». I numeri parlano di oltre 2 milioni di tir all’anno lungo l’asse del Brennero, in Tirolo il 71% delle merci viene trasportato su gomma, e per questo motivo Platter ha annunciato per il 27 ottobre un nuovo blocco dei transiti a Kufstein. A partire dalle 5 di mattina potranno viaggiare verso sud solamente 300 tir all’ora, mentre normalmente nelle ore di punta se ne arrivano a contare fino a 600. L’assessore trentino Mauro Gilmozzi ha spiegato che «la mobilità sostenibile rappresenta una questione centrale nell’agenda politica europea», e per quanto riguarda l’autostrada viaggiante RoLa ha sottolineato “l’impegno delle Province di Trento e di Bolzano anche sottoforma di incentivi alle imprese che decidono di passare dalla gomma alla rotaia”.

 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211