Eurac Research, a NOI Techpark arrivano i nuovi laboratori per la ricerca sulle mummie

Pubblicato il 4 Settembre 2019 in Innovazione

 

Le mummie ci affascinano da sempre. Inquietano perché sono a tutti gli effetti dei morti, ma allo stesso tempo intrigano perché non lo sembrano del tutto. Studiarle significa disporre di un tesoro immenso di informazioni sulla storia dell’umanità. Da un minuscolo frammento, grazie a tecnologie sempre più avanzate, i ricercatori possono scoprire la provenienza, le circostanze della morte, le abitudini e le malattie della mummia quando era in vita.

L’Istituto per lo studio delle mummie di Eurac Research con il suo know how multidisciplinare è tra i più importanti centri al mondo dedicati alla ricerca sui resti umani.  Dalla classica antropologia fisica ai metodi di analisi biomolecolari, passando per il lavoro pionieristico sui migliori metodi di conservazione, le competenze dei ricercatori si sono arricchite anche grazie agli studi sulla mummia più famosa al mondo; l’Istituto bolzanino è infatti responsabile scientifico della ricerca su Ӧtzi. Quest’anno l’Istituto per lo studio delle mummie di Eurac Research si è trasferito al NOI Techpark e nella giornata di lunedì 9 settembre (dalle ore 10), verranno aperti al pubblico e alla stampa i nuovi laboratori di ricerca. Per l’occasione sarà presente anche una particolare mummia sudamericana da poter vedere da vicino.

Alla cerimonia interverranno Arno Kompatscher, presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Albert Zink, direttore dell’Istituto per lo studio delle mummie di Eurac Research, Stephan Ortner, direttore di Eurac Research e Vito Fernicola, ricercatore nel settore della metrologia e membro del comitato scientifico dell’Istituto per lo studio delle mummie di Eurac Research.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211