Eurac, nuovo statuto (dal 1992) e 44 milioni di euro di budget da gestire

Pubblicato il 23 Maggio 2016 in Innovazione

eurac  

Un focus specifico sulla ricerca: lo prevede il nuovo statuto Eurac, approvato venerdì 20 maggio dall’assemblera dei soci. In 24 anni Eurac ha svolto un prezioso lavoro per il territorio e allo stesso tempo si è creata un nome e una reputazione nel mondo. Solo nel 2015, 280 scienziati erano impegnati in 114 progetti di ricerca internazionali; attualmente sono attivi in 28 progetti europei, gestendo un budget — da record per Eurac — di oltre 44 milioni di euro. Tra tutti i contributi nel corso dell’ultimo anno, i ricercatori hanno ad esempio scoperto alcuni geni associati all’insufficienza renale cronica, analizzato le abilità di scrittura degli studenti sudtirolesi e creato un catasto solare che riesce a mappare il posizionamento ideale e le potenzialità dei pannelli solari in un singolo edificio.

Il presidente dell’Eurac Roland Psenner lo chiama “il nostro core business” e il direttore dell’Eurac Stephan Ortner spiega come negli ultimi mesi un processo democratico interno abbia distillato l’essenza di Eurac: ricerca scientifica eccellente e interdisciplinare, dalla quale trae vantaggio la società e che sviluppa soluzioni per i problemi del futuro.

Con il rinnovo dello statuto — sostanzialmente per la prima volta dal 1992 — Eurac non considera solamente i cambiamenti nella propria natura, ma tiene conto anche dello sviluppo che ha interessato la società: “Ora in Alto Adige c’è la consapevolezza dell’importanza della ricerca e di una vasta infrastruttura scientifica”, dichiara Psenner, “ed Eurac, credo, abbia contribuito fortemente a questo sviluppo, assumendosi compiti che a volte oltrepassavano la ricerca. Ora ci concentriamo nuovamente sulla ricerca.”

“L’Alto Adige ha fatto grandi passi avanti nella ricerca scientifica, ma non dobbiamo mettere in secondo piano il fatto che ancora c’è molta strada da percorrere”, aggiunge Ortner, “Secondo la strategia europea di Lisbona, il tre per cento del prodotto interno lordo dovrebbe essere investito in ricerca e sviluppo; siamo ancora lontani da questo obiettivo.” Roland Psenner, entrato in carica da luglio 2015, descrive così la sua sensazione nei primi 318 giorni: “Eurac ha superato le mie aspettative quale centro di ricerca globale e ad azione locale.” In occasione dell’assemblea è stato congedato il consigliere dimissionario Andrea Zeppa; al suo posto subentrerà l’agronomo Massimo Tagliavini, dal 2007 docente presso la Facoltà di scienze e tecnologie della Libera Università di Bolzano.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211