Menu

Energia, per le Pmi italiane costi al +29% rispetto la media Ue

Pubblicato il 28 agosto 2017 in Imprese

bollette energia  

Nonostante le critiche degli ultimi anni, l’energia elettrica continua a rappresentare un costo troppo gravoso per le ditte artigiane. In base ad una recente analisi di Confartigianato, in Italia l’elettricità costa alle PMI il 29% in più rispetto alla media europea e la forbice è addirittura in aumento. Colpa degli oneri fiscali e parafiscali, con particolare influenza delle tasse sui consumi energetici. «L’energia elettrica cara è un ostacolo da superare al più presto per favorire la competitività delle nostre aziende» ha ricordato il presidente di lvh.apa Gert Lanz.

L’allarme è stato lanciato ormai da tempo, ma in tema di energia elettrica troppo cara la situazione nel nostro Paese non accenna a migliorare, anzi. A confermarlo una recente analisi di Confartigianato, attraverso la quale è emerso che in media le PMI italiane pagano l’elettricità il 29% in più rispetto ai propri colleghi dell’Unione Europea. Una percentuale che tradotta in cifre significa un maggior costo annuo di ben 2.572 Euro per azienda. Valori significativi e, purtroppo, destinati ulteriormente a crescere. Nel terzo trimestre del 2017, l’aumento rispetto ai tre mesi successivi è stato di ben 383 Euro: un incremento che ha portato a 11.478 Euro il costo medio annuo dell’energia per una piccola impresa.

Ma da cosa dipendono queste spese difficilmente sopportabili e di fatto “utili” soltanto per penalizzare le realtà di piccole dimensioni? A trascinare verso l’alto il prezzo dell’energia sono in particolare gli oneri fiscali e parafiscali, i quali finiscono per pesare per il 39,7% sull’importo finale in bolletta. Al contempo, le tasse sui consumi energetici in Italia sono nettamente le più alte d’Europa, con ditte e famiglie costrette a pagare complessivamente 15 miliardi di Euro in più rispetto ai cittadini dell’Eurozona. Il tutto senza dimenticare la cattiva distribuzione di tali oneri tra i diversi consumatori, con le PMI bersagliate in percentuale nettamente superiore rispetto alle grandi imprese.

«Purtroppo nel settore dell’energia la situazione continua a non essere rosea e questi carichi eccessivi non fanno altro che mettere a repentaglio la competitività delle nostre aziende – ha ricordato il presidente di lvh.apa Confartigianato Imprese Gert Lanz -. Il meccanismo del ‘meno consumi, più paghi’ di fatto applicato ai piccoli operatori economici è un’assurdità ed in tal modo sono proprio queste realtà ad accollarsi i costi degli altri utenti. Concordiamo con i vertici di Confartigianato e crediamo che il meccanismo degli oneri generali di sistema vada interamente ripensato, in particolar modo ripartendo in modo più equo il peso degli oneri tra le diverse dimensioni d’azienda».

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211