Menu

Economia circolare, la CNA firma la “Carta della sostenibilità”

Pubblicato il 20 Febbraio 2019 in Territorio

 

È stata firmata pochi giorni fa a Roma, la “Carta per la sostenibilità e la competitività delle imprese nell’economia circolare”, sottoscritta da CNA, Confindustria, Confartigianato, Casartigiani, CLAAI, Confcommercio, Confesercenti, Confagricoltura, Confcooperative, Legacoop e CONFAPI: dieci linee di intervento e punti programmatici per avviare un confronto con gli interlocutori istituzionali e definire le strategie di sviluppo delle imprese sul tema dell’economia circolare. “Le Province autonome di Bolzano e Trento, grazie all’Autonomia, possono svolgere il ruolo di apripista in Italia, ampliando le best practice già avviate e integrandole attraverso misure che trasformino la leva fiscale e la burocrazia semplificata in strumenti decisivi per accompagnare le piccole imprese nell’economia circolare prevista dalla Carta per la sostenibilità” ha affermato Claudio Corrarati, presidente della CNA Trentino Alto Adige.

Corrarati fa parte del gruppo di lavoro di CNA coordinato dalla vicepresidente con delega alle politiche di sostenibilità, ambiente ed energia, Elena Calabria, ed ha l’incarico di fare da cinghia di trasmissione tra il livello territoriale e quello nazionale, mettendo in rete i comportamenti virtuosi e le iniziative di successo. “È quel che abbiamo fatto a fine gennaio con la Fiera Klimahouse 2019 – spiega Corrarati – grazie alla visita della delegazione di CNA Nordest, guidata dal presidente nazionale Daniele Vaccarino. Non abbiamo messo al centro dell’evento solo le tecniche di costruzione, i risanamenti energetici e l’edilizia sostenibile, ma abbiamo spostato l’attenzione sull’individuo e sulla cultura della sostenibilità, che deve permeare cittadini e imprese. Una best practice trasferita alle imprese del Nordest, per poi ampliarsi a tutta Italia. Ci ha fatto piacere vedere l’attenzione dimostrata dagli studenti su questi temi con la grande manifestazione della settimana scorsa ”.

“Un grande cambiamento ha bisogno di condizioni che lo favoriscano e di un ambiente stimolante. Per questo – prosegue Corrarati – come CNA Trentino Alto Adige proponiamo alle Province di Bolzano e Trento di utilizzare la leva fiscale per agevolare il lancio e la diffusione dell’economia circolare, allargando l’orizzonte della sostenibilità e innescando un nuovo modello di sviluppo, in grado di conciliare interessi generali e legittime aspettative delle imprese. Proponiamo una rimodulazione del sistema dei tributi per incoraggiare le imprese ad affrontare con sicurezza questo futuro. Un futuro a 360 gradi.”

Secondo il presidente, è un grande errore pensare che l’economia circolare sia limitata al mondo dei rifiuti o a concetti come riuso e recupero: “La partita è molto più importante e va dalla eco-innovazione al consumo sostenibile, dalla tutela del territorio al risparmio di acqua ed energia. Una partita che le piccole imprese rischiano di giocare con una gamba legata. Ogni giorno si trovano di fronte barriere e ostacoli burocratici che ne frenano la naturale spinta al cambiamento. Undici associazioni di imprese adesso hanno sottolineato il loro impegno comune per contribuire alla rivoluzione dell’economia circolare e adesso chiamano le istituzioni, nazionali e territoriali, a fare sistema prima di tutto rimettendo ordine nelle regole che governano l’economia verde” ha concluso Corrarati.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211