Dopo le Dolomiti, la transumanza è patrimonio Unesco

Pubblicato il 12 Dicembre 2019 in Territorio

 

Dopo le Dolomiti tocca alla transumanza. L’Alto Adige aggiunge un secondo tassello alla lista dei patrimoni tutelati dall’UNESCO, e questa volta si tratta della transumanza, ovvero la pratica pastorale di migrazione stagionale del bestiame verso condizioni climatiche migliori. La decisione è stata presa oggi (11 dicembre) a Bogotà, a conclusione dell’iter procedurale per l’inserimento tra i patrimoni culturali immateriali dell’UNESCO portato avanti da tre paesi diversi: Austria, Grecia e Italia, con la Provincia di Bolzano rappresentata dall’Associazione culturale Senales.

Soddisfatta l’assessore provinciale competente, Maria Hochgruber Kuenzer, la quale sottolinea che “è un grande onore ricevere un nuovo riconoscimento da parte dell’UNESCO a 10 anni di distanza da quello riguardante le Dolomiti. La transumanza rappresenta un aspetto caratteristico della vita di montagna, e in un certo senso la rappresenta in maniera ideale. Ora – prosegue la Hochgruber Kuenzer – spetta a noi fare tutto il possibile per tutelare al meglio questo patrimonio. L’esperienza maturata con le Dolomiti ci dimostra che la tutela UNESCO non rappresenta un “marchio” da vendere, bensì un tesoro da conservare”.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211