Diesel, stop agli Euro 3 a Bolzano, Merano, Laives e Bressanone: decisione entro giugno

Pubblicato il 5 Maggio 2018 in Infrastrutture

 

Diesel, si avvicina lo stop agli Euro 3: il tema è stato al centro del tavolo tecnico per la qualità dell’aria che si è riunito il 4 maggio coinvolgendo provincia e principali comuni della Provincia: la sfida è quella della riduzione il biossido di azoto (NO2) che lungo l’autostrada del Brennero e sulle strade più trafficate a Bolzano, Merano, Bressanone e Laives supera i valori consentiti.

Stop agli Euro 3, decisione entro il 30 giugno

Entro il 30 giugno la Provincia infatti approverà il programma N02 2018-2023 per la riduzione dell’inquinamento da biossido di azoto con le misure indicate dai Comuni e i criteri unitari in base ai quali i sindaci dei Comuni di Bolzano, Merano, Bressanone e Laives possono emanare ordinanze di limitazione alla circolazione per determinati veicoli. L’obiettivo è garantire il rispetto del valore limite dell’N02 (40 microgrammi al metro cubo) entro il 2023, con uno step intermedio nel 2020 che prevede una riduzione del 10% delle concentrazioni di biossido di azoto. I primi veicoli che potrebbero essere interessati dai divieti sono i mezzi leggeri sotto le 3 tonnellate con motore diesel Euro 3. Da parte loro i sindaci di Bolzano e Merano, Caramaschi e Rösch, hanno evidenziato l’opportunità, qualora si introduca dei divieti di circolazione, che essi siano generalizzati per i territori comunali dove sono state registrate medie annuali di N02 sopra il valore limite secondo un’azione congiunta e concordata, e non applicati per singole aree all’interno dei comuni. Per valutare le esigenze specifiche delle categorie economiche poste in evidenza dai rappresentanti di hds, Apa e Cna, soprattutto in vista della eventuale sostituzione dei veicoli aziendali, su proposta dell’assessore Theiner si è decisa l’istituzione di un tavolo speciale all’interno del tavolo tecnico per definire interventi e modalità. Il tavolo sarà convocato entro i prossimi giorni. L’Agenzia provinciale per l’ambiente sarà incaricata di monitorare l’evolversi della situazione, a fine 2020 vi sarà una valutazione intermedia su effetti dei provvedimenti e raggiungimento degli obiettivi.

996574__no-name_

Stop agli Euro 3: i dati a Bolzano, Laives, Merano e Bressanone

«Non si tratta solo di rispettare le direttive UE e le norme, in primo luogo abbiamo l’obbligo di agire per tutelare la salute dei cittadini – ha detto l’assessore Theiner – speriamo di non dover giungere a divieti di circolazione, ma se le misure previste dai Comuni per rientrare nel valore limite annuale non sortiranno gli effetti sperati, i divieti saranno necessari». I valori massimi registrati nelle aree di superamento, sempre per il traffico cittadino, sono di 66 µg/m³ nell’area di Bolzano (con popolazione esposta per circa 9mila persone), 50 µg/m³ a Laives (800 abitanti coinvolti), e di 43 µg/m³ sia a Merano (1.105 abitanti interessati) che Bressanone (con popolazione esposta di 1.200 persone).

 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211