“Diamoci un taglio”, oltre 26 metri di capelli raccolti per i malati oncologici

Pubblicato il 16 Luglio 2019 in Imprese, Territorio

 

Oltre 26 metri di capelli raccolti in Alto Adige per la donazione di parrucche per malati oncologici: “Diamoci un taglio” continua ad ottenere molte adesioni. Quando i parrucchieri di CNA-SHV Federacconciatori hanno aderito all’iniziativa “Diamoci un taglio”, promossa da RagionevolMente e Lilt per donare parrucche ai malati oncologici, non si aspettavano così tante adesioni alle donazioni di capelli.

Ieri, lunedì 15 luglio, Sandro Stefanati e Antonella Bellante, portavoce e funzionaria di CNA-SHV Federacconciatori, hanno consegnato alla Lilt di Bolzano 5 metri di capelli donati nell’ultimo mese, che si aggiungono ai 2 metri di capelli raccolti dai vari saloni tra febbraio e maggio, quando la campagna era partita un po’ in sordina, e ai sei metri raccolti durante la manifestazione “Don Bosco solidale” a inizio giugno, di cui 4 metri durante l’evento, con la massiccia adesione delle atlete del Basket Rosa Bolzano, e 2 metri nei giorni immediatamente successivi, dopo che la manifestazione ha ottenuto ampia risonanza mediatica.

La donazione minima è una treccia di 20 centimetri. Ogni 800 grammi di capelli donati, la ditta “Winner’s – Capelli vincenti” di Verona dona una parrucca a RagionevolMente che, in collaborazione con la Lilt, provvede a metterla a disposizione dei pazienti oncologici. Secondo le stime degli esperti, 26 metri di capelli raccolti in Alto Adige dovrebbero equivalere alla donazione di oltre 30 parrucche.

“La sorpresa non è solo l’alta affluenza ai 16 saloni di Federacconciatori aderenti all’iniziativa – spiega il portavoce Sandro Stefanati – ma anche l’effetto di sensibilizzazione ottenuto grazie al sostegno dei media tradizionali e al tam-tam sui social media. Così mentre noi raccoglievamo dalle nostre e dai nostri clienti 13 metri di capelli, altri colleghi, pur se ufficialmente non aderenti all’iniziativa,  hanno ricevuto analoghe richieste dai loro clienti ed hanno provveduto a consegnare le trecce direttamente alla Lilt. Alcune persone hanno invece portato alla Lilt trecce di capelli che conservavano da anni”.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211