Corsi online gratuiti: UniBz apripista, il 7 marzo si impara Linux

Pubblicato il 24 Febbraio 2016 in Culture

Corsi online all'UniBz  

L’Università di Bolzano entra nel mondo dei Mooc (Massive Open Online Course), i corsi online gratuiti resi famosi da piattaforme come Coursera. La facoltà di Scienze e tecnologie informatiche dell’ateneo altoatesino fa da apripista con E³OS, il primo corso multimediale via internet che partirà lunedì 7 marzo 2016 e insegnerà la programmazione Bash nel sistema operativo open source Linux, primo passo per diventare amministratori esperti di sistemi.

Negli ultimi tempi grandi istituzioni internazionali si sono lanciate nel fornire sapere gratuito a chiunque possa connettersi al web: è il caso del MoMA, il Museum of Modern Art di New York, che in questi giorni propone un corso di fotografia ad alto livello con testi, video, interviste a grandi fotografi. E soprattutto gratis. Nel caso dell’UniBz, il progetto è curato dai docenti Gabriella Dodero e Vincenzo Del Fatto, il progetto ha superato ha superato la prima fase del concorso del MIUR Talentitaly e sta partecipando alla seconda fase.

Corsi unviersitari su YouTube

Ma Dodero e Del Fatto non sono nuovi alla didattica web: hanno da tempo creato un canale YouTube, intitolato E³OS, ccreato per spiegare il funzionamento e l’interazione con il sistema operativo Linux in maniera efficace, divertente e facile: E³ sta per “Effective, Enjoyable and Easy”. Eccone un estratto.

Apprendistato estremo: 5 lezioni fino al 30 aprile

La metodologia d’insegnamento adottata da Dodero – vice-rettore con delega alla didattica – e da Del Fatto – ricercatore e docente a Scienze e tecnologie informatiche – si chiama Extreme Apprenticeship, cioè apprendistato estremo, ed è una pratica didattica nata in Finlandia. «Gli allievi sono invitati a svolgere piccoli compiti di difficoltà crescente – spiegano i due docenti – Viene tralasciato momentaneamente l’approfondimento teorico, veicolato però attraverso gli esercizi».

Il Mooc sul bash scripting in ambiente Linux – la scrittura di comandi utilizzando una interfaccia a linea di comando – si terrà dal 7 marzo al 30 di aprile 2016 e si basa su cinque unità di apprendimento e 30 esercizi. Ad ogni esercizio corrisponde un video che, passo dopo passo, lo spiega. I video sono in alternativamente, in lingua italiana, inglese e tedesca, ma per ogni video sono disponibili i testi in tutte e tre le lingue di UniBz.

«I partecipanti riceveranno feedback e correzioni dei propri esercizi e un’attestazione finale della Facoltà di Scienze e Tecnologie Informatiche – spiegano Dodero e Del Fatto – equivalente ad un credito formativo per gli studenti che si iscriveranno alla Libera Università di Bolzano nei prossimi due anni accademici».

Un corso aperto a tutti

Non ci sono prerequisiti di alcun tipo per l’iscrizione al corso, tranne il possesso di competenze basilari sull’utilizzo del pc e la disponibilità di una installazione del sistema operativo Linux, preferibilmente su un computer con accesso a internet. L’iscrizione, gratuita, deve avvenire attraverso il formulario di registrazione online (qui). I partecipanti, inoltre, verranno motivati alla partecipazione da una sorta di competizione interna al Mooc: i più veloci nello svolgimento degli esercizi, verranno premiati con una maglia virtuale, sul modello di quelle che sanciscono i vincitori delle varie tappe del Giro d’Italia o di Francia.

L’E³OS MOOC sta competendo al concorso promosso dal MIUR e chiamato Talentitaly. Vi hanno partecipato oltre 82 progetti e, dopo aver superato la prima fase, il corso di unibz è rimasto in compagnia di soli altri 20 progetti. Al termine della seconda e ultima fase, a maggio, verranno premiati i Mooc migliori: al primo andrà un premio in denaro di 100.000 euro, al secondo, terzo e quarto 20 mila euro ciascuno. La classifica si baserà sul numero di partecipanti iscritti e di quelli che hanno portato a termine l’intero percorso formativo.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211