Coronavirus, anche l’Alto Adige inserito tra le zone a rischio contagio

Pubblicato il 6 Marzo 2020 in Territorio

 

L’Alto Adige è stato aggiunto tra le zone a rischio contagio di coronavirus in Italia, secondo l’ultimo aggiornamento dell’istituto epidemiologico Robert Koch di Berlino. Lo rende noto l’istituto tedesco nella sua pagina internet.

Direttamente dall’agenzia ANSA, arrivano le parole dell’assessore alla salute della Provincia di Bolzano Thomas Widmmann: “Ho sentito il ministro tedesco Jens Spahn per chiedergli spiegazioni in merito alla classificazione dell’Alto Adige come zona a rischio. Mi ha spiegato che l’Istituto applica dei criteri. Uno di questi sono le zone di provenienza dei turisti risultati positivi ai test del Coronavirus e l’Alto Adige è tradizionalmente una meta ambita tra i tedeschi. Questa classificazione – ha aggiunto – ha di certo ricadute negative per l’Alto Adige. Più che mai dobbiamo fare di tutto per far sì che il virus non si diffonda ulteriormente e per questo rivolgo un ulteriore appello alla cittadinanza di rispettare le regole di comportamento. Resto fiducioso che in questo caso riusciremo a rallentare o addirittura ridurre il numero di infezioni. Senza l’aiuto della cittadinanza non è possibile contenere il contagio”.



Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211