Menu

Commercialisti, l’abusivismo è reato: conferma della Cassazione

Pubblicato il 5 Ottobre 2018 in Territorio

 

Esercitare abusivamente la professione di commercialista o di consulente del lavoro, senza essere iscritti ai relativi albi professionali, è reato. Lo conferma la sesta sezione penale della Corte di Cassazione, presieduta dal magistrato Giacomo Paoloni che – con una sentenza depositata a luglio – ha ratificato la bontà della decisione presa dal Tribunale di Cagliari, in primo grado, e dalla Corte d’Appello della stessa città, in secondo. Un tema caro all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e all’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Bolzano. Il dispositivo riguarda la condanna ad un mese di reclusione, più il risarcimento danni per la parte civile, per una persona che si era spacciata come commercialista senza in realtà essere iscritto all’albo professionale. Il condannato, in questo caso, aveva avvertito che agiva senza abilitazione per esperienza: la Cassazione ha stabilito che in ogni caso quanto successo rimane reato.

«Tutelare i professionisti che rispettano le regole – ricordano il presidente dell’Ordine dei Commercialisti Claudio Zago e il presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro Loris De Bernardo – non è un’esigenza a vantaggio solo degli iscritti agli Ordini, ma innanzitutto dei contribuenti che a noi si rivolgono per la gestione dei loro interessi. Essere iscritti all’Ordine comporta un aggiornamento continuo, conoscenza e rispetto della deontologia, la possibilità di ricevere provvedimenti disciplinare e l’obbligo di essere assicurati. L’abusivismo è un fenomeno che esiste e cresce soprattutto in stagione di Dichiarazione dei redditi e Modello 730, ma non solo. La sentenza della Corte di Cassazione ribadisce l’esigenza di legalità che avevamo ribadito nell’incontro avuto con Giancarlo Bramante, Procuratore della Repubblica di Bolzano».

Durante il colloquio Bramante aveva sottolineato la massima disponibilità a far rispettare l’articolo 348 del codice penale che sanziona l’esercizio abusivo della professione.  «Da parte nostra – ribadiscono a una sola voce Zago e De Bernardo – siamo pronti a costituirci parte civile in un eventuale procedimento».

«L’Ordine dei Commercialisti – spiega Renzo Pedevilla, membro della commissione tra gli Ordini delle Tre Venezie “abusivismo” – monitora continuamente la situazione sul territorio raccogliendo e vagliando le segnalazioni sospette che arrivano dai nostri iscritti e dai contribuenti. Inoltre promuoviamo attraverso i nostri strumenti di comunicazione la più ampia conoscenza della normativa». Tra le diverse iniziative promosse la campagna lanciata nel 2017, con presenze sui giornali, televisioni e affissioni nelle città. Iniziativa partita dall’Alto Adige e poi adottata in tutto il Triveneto. «Affida i tuoi affari e i tuoi interessi solo a commercialisti iscritti all’Ordine», affermava la campagna. Controllare se un professionista è iscritto all’Ordine è semplice: basta consultare l’albo professionale online, nel caso dell’Ordine di Bolzano reperibile sul sito www.commercialistibolzano.org. All’indirizzo http://bit.ly/ricercaiscritti, invece, è possibile consultare l’albo unico nazionale del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211