City Vision, una giornata nella città del futuro: ecco la diretta video

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Raccontare il futuro dell’intelligent city nel mondo post covid. Tra opportunità, tecnologie e best practice a livello italiano ed europeo. È questo l’obiettivo della prima edizione di City Vision, evento internazionale ideato e organizzato da Fiera di Padova e Blum che si sta svolgendo oggi 2 dicembre in modalità onlife su una piattaforma digitale capace di ospitare incontri, stand virtuali e meeting one-to-one.

ECCO LA DIRETTA VIDEO (DISPONIBILE ANCHE SULLA PAGINA FACEBOOK DI ALTO ADIGE INNOVAZIONE)

Una giornata di visioni e testimonianze in cui si darà spazio al meglio del sistema italiano ed europeo dell’innovazione e in cui si cercherà di costruire assieme le fondamenta delle città del futuro tra tecnologie sostenibili, smart mobility, architetture digitali e una pubblica amministrazione sempre più connessa e a misura di cittadino. All’appuntamento interverranno figure di rilievo dell’innovazione internazionale tra le quali il futurist Alberto Mattiello e Dana Eleftheriadou, a capo del team per le tecnologie avanzate della Commissione europea.

CITY VISION: ECCO IL LINK PER ISCRIVERSI

Una giornata nella città del futuro

Scenari, best practice e visioni. Quello di mercoledì 2 dicembre, in diretta dallo studio allestito in Fiera di Padova, sarà un vero e proprio giorno di immersione nel futuro con ospiti e testimonianze che daranno forma alla città del domani.

Alle 9 l’avvio dei lavori con Alberto Mattiello, futurist e direttore creativo di The Placemakers, il più grande gruppo manifatturiero di Urban Design nel quale svolge attività di ricerca e progettazione per la creazione di spazi pubblici che migliorino le connessioni interpersonali, il benessere e il coinvolgimento dei cittadini. Fondatore di Eitherland, il primo sistema di arredo per lavorare all’aperto, Mattiello dal 2013 dirige “Future Thinking“, un hub internazionale dell’innovazione di Wunderman-Thompson che aiuta le aziende a trovare un punto ideale tra il marketing, l’innovazione tecnologica e i modelli di business emergenti. Insegna inoltre Digital Marketing ed Innovazione alla Università Bocconi ed è membro del comitato scientifico di Confindustria. Mattiello parlerà di «Double Acceleration», la doppia spinta data ai sistemi urbani da digitale e dalla pandemia. A seguire una panoramica sulle intelligent cities europee con la partecipazione di Dana Eleftheriadou, a capo del team per le tecnologie avanzate della Commissone europea, con lo speech «Intelligent Cities Challenge: Driving a green, digital and inclusive recovery». Seguirà un confronto tra esperienze europee di mobilità intelligente, con la testimonianza delle amministrazioni di Amsterdam, Barcellona e delle Intelligent City d’Italia, le tecnologie di Next Transportation, Leitner e City Porto e un focus sul modello Veneto, «Dalla smart city alla smart region».

 

Iscriviti al canale Telegram!  👉🏻  https://t.me/altoadigeinnovazione

Seguici su Facebook 👉🏻  https://www.facebook.com/altoadigeinnovazione

Seguici su Linkedin 👉🏻  https://www.linkedin.com/company/alto-adige-innovazione/ 

 

Quindi tre sessioni verticali: la prima è «Architetture digitali per la città intelligente», con gli interventi di Fabrizio Dughiero, presidente di SMACT, Competence Center del Nordest, IOT Italy, l’associazione italiana dell’Internet of Things, TTS – Telematica Trasporti Sicurezza. Segue poi «Building the future: bonus&tech per costruire intelligent cities», con la partecipazione di Bruno Barel, founder partner Studio legale BM&A, Massimo Cavazzana, architetto, Massimo La Rosa, Responsabile Business Retail Unicredit Nord Est, Daniele Vettorato, Eurac Research e Andrea Zanella, Università di Padova e SMACT, un approfondimento su bonus e agevolazioni post-Covid e le migliori tecnologie dell’abitare per una trasformazione intelligente delle nostre città. A chiudere la mattinata il panel «Innovation vs Covid», che metterà in mostra tecnologie e nuove soluzioni digitali che aiutano a gestire la crisi, con le migliori case histories italiane.

Nel pomeriggio, a partire dalle 14.30, il focus si sposterà sulla Pubblica Amministrazione all’interno di un talk che farà il punto sulle modalità di semplificazione e di innovazione della PA per migliorare la vita al cittadino. A seguire «Open data e governo delle città», in cui si parlerà di come raccogliere, organizzare, gestire ed elaborare i dati per costruire città più sostenibili. Poi un tavolo di confronto tra Comune, ordini professionali e categorie economiche sul futuro della città con «Padova 2030: per costruire la città dei saperi». A conclusione dell’evento «Il Paese innovatore (e intelligente)», un dialogo sul decalogo per reinventare l’Italia redatto da Alfonso Fuggetta, direttore di Cefriel e autore del libro “Il Paese innovatore” e Barbara Sala, ceo di Delcon, Pmi innovativa di Bergamo che, con il suo laboratorio d’innovazione sviluppa device medicali in collaborazione con aziende e istituzioni di tutto il mondo.

«La pandemia di Covid ha messo in crisi il concetto di smart city così come si stava affermando: le grandi aggregazioni urbane si sono rivelate fragili di fronte a un agente microscopico come il virus. Non bastano i sensori per rendere intelligenti le città  – spiega Luca Barbieri, co-founder di Blum e coordinatore scientifico di City Vision -. Per questo City Vision sostiene il cambio di paradigma da Smart a Intelligent City: solo ripartendo dall’intelligenza delle persone possiamo rendere veramente smart le città. Anche se il ventunesimo secolo vedrà le megalopoli continuare a crescere, il nostro Paese ha una grande opportunità: dare nuove prospettive di rinascita a borghi e province. Questo può avvenire però solo a patto che si sappiano implementare in modo veloce ed efficace le infrastrutture digitali sulle quali costruire prodotti e servizi che colmino il gap tra chi vive al centro e chi vive in periferia».

L’evento è ospitato dalla piattaforma online di Fiera di Padova, che permette al pubblico di partecipare da remoto mantenendo un’interazione attiva: si possono visitare gli stand virtuali delle aziende espositrici, fissare appuntamenti con i professionisti del settore, fare domande ai panelist, prendere parte a live poll, contattare relatori e altri partecipanti. Per iscriversi: https://digital.city-vision.it/

City Vision è organizzato da Fiera di Padova e Blum. Business as a medium con la collaborazione di Promex e il patrocinio di Anci, IoTItaly, Tts Italia, Smact, Comune di Padova, Provincia di Padova, Camera di commercio e Università degli Studi di Padova. Sponsorship di UniCredit, Leitner Ropeways e Interporto di Padova.

Ti potrebbe interessare