Cinema, arrivano i mini-bandi per produzioni low budget di qualità

Pubblicato il 23 Dicembre 2015 in Culture

 

La giunta provinciale di Bolzano ha approvato i nuovi criteri per il sostegno a film e produzioni televisive, tenendo conto del nuovo regolamento generale della Commissione europea: si introduce la singola valutazione del progetto, che sostituisce il cosiddetto “test culturale” europeo, e si abolisce l’obbligo di notifica della sovvenzione alla Commissione europea.

Opportunità per i talenti giovani del cinema

Ma il punto interessante è un altro. Sono stati infatti modificati i criteri di assegnazione del Fondo per le produzioni cinematografiche e televisive, con una nuova linea di finanziamento dedicata a film low budget di alta qualità. Un sostegno che si pensa vada a vantaggio dei giovani registi. I progetti finanziati in questo filone dovranno avere costi di produzione totali non superiori ai 500 mila euro: potranno esserne finanziati al massimo tre all’anno e il tetto al singolo contributo è fissato a 250 mila euro. «Questa novità rappresenta un’importante opportunità per i giovani cineasti e produttori altoatesini» dice il presidente della Provincia Arno Kompatscher.

A questo sostegno “speciale” si affiancherà il sostegno di carattere generale ai film e alle produzioni televisive, per le quali il contributo massimo è di 1,5 milioni a progetto, con un contributo che potrà coprire fino al 50% dei costi complessivi della produzione. Poi c’è il sostegno allo sviluppo dei progetti e alla pre-produzione, che può essere richiesto solo per quei progetti audiovisivi con riferimenti culturali e realizzativi con l’Alto Adige. I finanziamenti allo sviluppo non possono superare i 100 mila euro ciascuno, coprendo al massimo il 70% delle spese.

Dalla BLS alla nuova Agenzia IDM

Per tutte le produzioni che concorrono al finanziamento rimane l’obbligo del cosiddetto “effetto territorio”, cioè il beneficiario dovrà attestare che dei costi di produzione ammessi per la realizzazione del progetto, una somma pari ad almeno il 150% del contributo ammesso viene spesa in Alto Adige, con deroghe in casi particolari. Con il nuovo anno cambia il riferimento per la richiesta di contributi: gli uffici della Bls per la Film Fund & Commission saranno infatti accorpato nella nuova società Idm Südtirol-Alto Adige. Ma il team al lavoro resterà lo stesso.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211