Cavalli e cavalieri da tutto l'Alto Adige per la Cavalcata di San Leonardo

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Giunta alla sua 22esima edizione, la tradizionale cavalcata di San Leonardo “Rait de San Linert dles valades ladines y de Südtirol”, ha riunito nella giornata del 6 novembre ben 120 cavalli provenienti dalle valli ladine, Val Pusteria, Valle Aurina, Anterselva, Valle Isarco, Castelrotto, Maranza, Siusi, Val Venosta, Val Sarentino, Monzoccolo – San Genesio e Val Passiria.
In totale erano presenti circa 600 persone che hanno sfilato a cavallo, sulle carrozze ed i carri. Dopo la sfilata si è poi giunti al momento più atteso della giornata, ovvero la benedizione degli animali e dei loro allevatori da parte del decano Iaco Wendelin Willeit di fronte al magnifico Sasso Santa Croce coperto dalla neve.
Quest’anno sono stati gli alunni della 1° e 2° classe elementare ad aprire la sfilata con cavalli di legno e cartone, creati da loro stessi appositamente, seguiti dalle carrozze e dai diversi carri addobbati a festa, tra questi quello con il modello in miniatura della chiesa di San Leonardo e la statua del Santo patrono ed il carro con i prodotti del raccolto venduti alla fine della sfilata.
Anche due squadre della cavalcata di Oswald von Wolkenstein erano presenti domenica scorsa a Badia: la squadra vincitrice dell’edizione 2022 “Castelrotto Paese” capitanata da Alexander Rier e la squadra ufficiale della razza haflinger della famiglia Zöggeler. I numerosi spettatori hanno potuto ammirare i tipici costumi tradizionali delle varie valli ladine come anche i due gruppi di ballo “Bal popolar Val Badia” ed il “Grop de folcklor Cianacei” ed il corteo è stato abbellito dalle melodie delle bande musicali di Badia, Poza e Laion.
La giornata è proseguita a suon di musica con i concerti delle bande musicali, della Böhmische Badia ed il gruppo “Tiroler Herz” come anche con i balli tradizionali dei due gruppi presenti.

Immagine di apertura: © freddy planinschek 

Ti potrebbe interessare