Menu

Catasto e libro fondiario, 1,9 milioni di documenti storici da digitalizzare

Pubblicato il 25 Febbraio 2019 in Infrastrutture, Territorio

 

“Continuare a sviluppare, all’insegna della trasparenza, i servizi già ben funzionanti della ripartizione libro fondiario, catasto fondiario e urbano, mettendo sempre in primo piano le esigenze dei cittadini”. Questo l’obiettivo indicato dall’assessore Massimo Bessone dopo un incontro con il direttore Alfred Vedovelli e i collaboratori della Ripartizione. “Già ora – ha aggiunto Bessone – i cittadini possono accedere comodamente da casa ai dati su libro fondiario e catasto, ma vogliamo metterne a disposizione un numero ancora maggior numero e semplificarne l’aggregazione”.

Completata la digitalizzazione del libro fondiario e del catasto fondiario e urbano, la ripartizione lavora alla digitalizzazione dei piani di frazionamento e dei libri maestristorici. “Una grande impresa – aggiunge Vedovelli – che sarà completata probabilmente entro il 2035, è rappresentata dalla digitalizzazione di circa 1,9 milioni di documenti e di complessive 26 milioni di immagini a partire dall’anno 1890″. Nel libro fondiario sono iscritti ad oggi 264.546 proprietari e 376.474 porzioni materiali. La superficie complessiva è di 7.400 kmq suddivisi in 683.340 particelle. Nel catasto urbano sono attualmente annotate 615.630 unità immobiliari. Attraverso il servizio online Openkat sono state prese in carico 1.817 richieste da parte dei cittadini.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211