Cassa integrazione in Alto Adige: proroga di otto settimane

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

E’ stato firmato ieri pomeriggio dalla Provincia e dalle parti sociali un importante accordo quadro che prevede un’estensione della cassa integrazione in Alto Adige fino a otto settimane in più rispetto a quanto previsto. Il prolungamento della cassa integrazione può essere utilizzato quando il periodo di 18 settimane di cassa integrazione concesso dallo Stato è esaurito. Ciò può avvenire sia durante che dopo le pause dalla prestazione lavorativa obbligatorie in determinati settori. “Con questo accordo siamo riusciti a garantire la pianificazione e la sicurezza per i dipendenti e i datori di lavoro per un periodo di tempo più lungo. Abbiamo creato le condizioni per finanziare gli ammortizzatori sociali per 8 settimane in più rispetto a quanto garantito dallo Stato” ha riferito con soddisfazione Philipp Achammer, assessore provinciale all’economia e al lavoro

Cassa integrazione, come funziona la richiesta: rivolgersi all’INPS

Hanno diritto a tale prolungamento tutti i dipendenti e i datori di lavoro che già si avvalgono della cassa integrazione Covid 19. La proroga sarà finanziata in Alto Adige attraverso il Fondo di solidarietà bilaterale, le cui risorse provengono esclusivamente dal bilancio provinciale. L’accordo quadro firmato sarà trasmesso alla direzione centrale dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale – INPS di Roma, affinché predisponga le relative circolari. Gli uffici locali dell’INPS possono quindi attivarsi e mettere a disposizione dei richiedenti il sistema informativo necessario per fare domanda. L’accordo quadro è sottoscritto congiuntamente dalla Provincia di Bolzano, dalle associazioni datoriali e dai sindacati rappresentativi: in tutto 17 organizzazioni hanno firmato il documento.

Ti potrebbe interessare