Braies, dopo l’alluvione di agosto arriva la fibra ottica

Pubblicato il 3 Ottobre 2017 in Infrastrutture, Innovazione

braies  

Il presidente Arno Kompatscher lo aveva annunciato all’indomani dell’alluvione dell’agosto scorso: interverremo il prima possibile a Braies per far ripartire un territorio messo in ginocchio dai gravi danni provocati dal maltempo. A poco meno di due mesi di distanza, arrivano già i primi risultati concreti: sono iniziati nei giorni scorsi, infatti, i lavori per interrare la linea elettrica a media tensione e per realizzare l’infrastruttura in grado di portare la fibra ottica nel centro abitato. Si tratta di un progetto comune, che vede coinvolte diverse realtà: da Edyna al Comune di Braies, da Infranet all’Ufficio infrastrutture per telecomunicazioni della Provincia. “I due progetti – ha sottolineato il presidente Arno Kompatscher – erano già stati programmati in maniera separata, ma abbiamo deciso di sfruttare al meglio le sinergie e ridurre costi e disagi realizzandoli assieme. Alla luce dei danni provocati dall’alluvione di agosto, inoltre, abbiamo dato una notevole accelerata a tutto l’iter riuscendo a far partire i lavori a tempo di record”.

Investimento di 1,8 milioni

Grazie ad un investimento di circa 1,8 milioni di euro, infatti, entro la fine dell’anno sarà completato l’interramento della linea a media tensione che, proprio durante il maltempo della notte fra il 5 e 6 agosto scorso, era stata seriamente danneggiata tanto che la fornitura di energia venne temporaneamente sospesa. In aggiunta a quest’opera, verrà posata anche la fibra ottica, che verrà collegata al PoP che il comune di Braiescondivide con i comuni di Monguelfo e Villabassa. “Anche in questo caso – ha aggiunto Kompatscher – va sottolineata la scelta intelligente di creare uno snodo unico per la fibra ottica sfruttando al meglio le risorse e suddividendo i costi fra i comuni”. Grazie a quest’opera verranno allacciati alla rete a banda larga 7 edifici pubblici, mentre il numero di potenziali utenti della fibra ottica è composto da 151 famiglie e 11 aziende. “Consentire a imprese e famiglie di avere accesso a collegamenti internet ad alta velocità  – conclude Arno Kompatscher – significa garantire la competitività di un territorio. Un fatto di importanza fondamentale soprattutto nelle zone maggiormente periferiche dell’Alto Adige“.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211