Meteo, rimane lo stato di attenzione per rischio idrogeologico

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Dopo le forti precipitazioni dei giorni scorsi la situazione è sotto controllo, ma lo stato di Protezione civile resta di “Attenzione” a causa del rischio idrogeologico. I temporali e le forti piogge si sono verificati soprattutto nella parte nord della provincia, lungo la cresta di confine e in particolare nelle valli Passiria, nella zona del Brennero e nella parte nord dell’Alta Valle Isarco, dove nella giornata di sabato si sono registrate precipitazioni con picchi fino a 80 litri al metro quadrato. “Nella notte (fra sabato e domenica ndr) è stata attivata la Centrale distrettuale di Vipiteno, dal momento che il Rio Mareta minacciava di esondare. Inoltre si sono verificate diversi smottamenti. A causa dell’elevata umidità del suolo sussiste ancora la possibilità di smottamenti, frane e cadute massi, così come un innalzamento del livello degli affluenti dei corsi d’acqua principali con la possibilità di piccoli allagamenti”, spiega il direttore del Centro Funzionale Provinciale dell’Agenzia della Protezione civile, Willigis Gallmetzer.

Il livello di Attenzione

Lo stato di Protezione Civile “Attenzione Alfa” è in vigore sin dall’inizio della pandemia di Covid-19. Per stabilire il livello di Protezione Civile si utilizza una scala standardizzata di quattro livelli a cui corrisponde una denominazione codificata: Normalità Zero, Attenzione Alfa, Preallarme Bravo, Allarme Charlie. Il livello di “Attenzione Alfa” viene dichiarato quando è in arrivo un evento rilevante per la protezione civile che va monitorato attentamente. Tutte le parti coinvolte vengono avvertite e possono adottare provvedimenti adatti. Anche la popolazione viene avvisata dell’evento in arrivo, in modo da non essere colta impreparata.

Ti potrebbe interessare