Menu

Trasporto pubblico, imprenditori vs Provincia sulla gestione in-house

Pubblicato il 31 Luglio 2019 in Infrastrutture

 

Per affrontare le sfide future l’Alto Adige ha bisogno di una collaborazione costruttiva fra pubblico e privato e di un rapporto di fiducia reciproca tra amministrazione e imprese. Assoimprenditori si dice per questo preoccupata della decisione della giunta provinciale di rinunciare in partenza ad una partnership con le imprese private per quanto riguarda la gestione del servizio di trasporto pubblico valutando esclusivamente le ipotesi di modello in-house o azienda speciale a controllo pubblico. «Anche a livello nazionale notiamo una generale tendenza a statalizzare attività che il privato può eseguire in maniera altrettanto o addirittura più efficiente rispetto al pubblico», afferma il Presidente di Assoimprenditori, Federico Giudiceandrea.

L’obiettivo comune deve essere quello di garantire un servizio di qualità a costi sostenibili: «Il libero mercato è il miglior modo per valutare i servizi e renderli sempre più efficienti e vicini ai bisogni dei cittadini. La concorrenza obbliga, infatti, chi gestisce i servizi a ricercare il miglioramento continuo della qualità e dell’efficienza. Per offrire anche in futuro servizi altamente qualitativi e a costi competitivi ai cittadini, dovremmo per questo puntare a rafforzare la concorrenza invece che eliminarla. In questo modo eviteremmo anche il rischio di appesantire ulteriormente l’amministrazione pubblica che, al contrario, dovrebbe diventare sempre più snella e concentrarsi sui propri compiti essenziali».

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211