Artigiani, collaborazione e sostegno migliorano il lavoro

Pubblicato il 11 Settembre 2017 in Imprese

formazione professionale  

Adeguati margini nella suddivisione del tempo, diritto di far valere la propria opinione e sostegno sociale: questi tre fattori influenzano in modo evidente il livello di alleggerimento e protezione percepito dai dipendenti. Un recente studio dell’IPL ha evidenziato sul tema in oggetto una buona notizia: gli artigiani altoatesini sono molto contenti. Un aspetto dipendente anche dal fatto che i superiori sostengono spesso i propri collaboratori, in particolar modo nelle realtà di piccole dimensioni.

Molto spesso i lavoratori si aiutano anche tra loro. Nel settore edile, ad esempio, l‘85% degli intervistati ha dichiarato di venire sostenuto a dovere dai propri colleghi. Markus Bernard, presidente del Gruppo Edilizia di lvh.apa, ha commentato così la situazione: «In Alto Adige esistono numerose aziende familiari. Noi tutti sappiamo che i collaboratori sono il capitale di una ditta ed essi devono essere trattati nel modo adeguato. Proprio per questo ogni operatore economico è chiamato a venire incontro ai propri dipendenti. Ed anche il fatto che questi ultimi si aiutino tra loro è indubbiamente importante». Nelle aziende di piccole dimensioni, i collaboratori hanno inoltre svariate opportunità di far valere la loro opinione.

Da non sottovalutare anche la tendenza ad operare cercando con costanza soluzioni vincenti: basti pensare che oltre il 90% dei lavoratori risolve autonomamente dei problemi durante il proprio orario lavorativo: «Gli artigiani altoatesini sono rinomati per risolvere a dovere i diversi problemi – ha affermato il presidente di lvh.apa Gert Lanz -. Agendo in questo modo essi sono più motivati, più contenti e garantiscono un valore aggiunto alla società». Lo stesso autore dello studio, Tobias Hölbling, ha confermato che «risolvere problemi contribuisce al benessere psichico». Anche la conciliabilità tra vita privata e lavoro è stata valutata positivamente. Grazie ad essa la maggior parte degli occupati è contenta anche nell’economia privata.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211