Alto Adige, occupazione al 79% (e si può far meglio)

Pubblicato il 10 Dicembre 2019 in Lavoro

 

Il nuovo numero del bollettino dell’Osservatorio del mercato del lavoro, “Mercato del lavoro news” si occupa della tematica “I principali indicatori del mercato del lavoro: l’Alto Adige nel contesto europeo” ed i risultati del rilevamento per quanto riguarda soprattutto il tasso di disoccupazione in Alto Adige sono particolarmente lusinghieri.

Il tasso di occupazione in Alto Adige relativo alla fascia d’età compresa tra i 20 e i 64 anni nel 2018 è pari a 79,0%, livello degno di nota. L’obiettivo del 75%, valevole per l’intera UE e da raggiungere entro il 2020, non costituisce un obiettivo per la nostra provincia, poiché tale livello era già stato raggiunto nel 2008. Nel 2013 Giunta Provinciale e parti sociali hanno definito nel piano pluriennale degli interventi di politica del lavoro per la prima volta un obiettivo quantitativo che prevede entro il 2020 un tasso di occupazione dell’80% (per la fascia 20­-64 anni di età).

“L’Alto Adige – sottolinea Stefan Luther – direttore della Ripartizione lavoro della Provincia – si colloca nella parte alta della classifica delle Regioni europee ed a livello nazionale notoriamente la nostra provincia occupa il primo posto. Il confronto con le Regioni limitrofe pone comunque in evidenzia dove vi sono ancora potenziali di miglioramento: per quanto riguarda i giovani, le donne e le persone più avanti negli anni”.

Giovani, donne e lavoratori anziani

Nel caso dei giovani, il calo dell’occupazione tra il 2012 e il 2015 è stato significativamente frenato. Per i minorenni l’apprendistato è talvolta l’unica possibilità per lavorare e, nel contempo, ottemperare all’obbligo formativo. Nel periodo 2015/2018, gli uomini hanno perso ulteriori 1,6 punti percentuali nel tasso di occupazione tra i 15 e i 24 anni, che nel 2018 si attesta su 37%. Il margine di recupero è ampio soprattutto per l’occupazione delle donne con meno di 35 anni. l tasso di occupazione di queste ultime nella fascia 25-34 anni è inferiore di ben 8 punti percentuali rispetto ai valori registrati nelle regioni limitrofe settentrionali, mentre tra le under 25 la differenza ammonta addirittura a 20 punti percentuali. Il tasso di occupazione della fascia d’età tra i 55 e i 64 anni in Alto Adige si colloca al centro della classifica europea, sebbene anche in questa classe d’età vi siano molte differenze tra uomini e donne. Rispetto alle regioni limitrofe settentrionali, il tasso di occupazione tra le donne con più di 55 anni ha raggiunto un livello piuttosto elevato, ma per raggiungere i livelli degli uomini mancano pur sempre 12 punti percentuali (donne: 58,6%; uomini: 71,1%).

Disoccupazione al 2,9%

Il tasso di disoccupazione in Alto Adige nel 2018 era del 2,9% e rispetto al 2015 è diminuito di 0,9 punti percentuali. Uno sviluppo analogo è osservabile nella maggior parte delle circa 300 regioni costituenti l’UE. A livello europeo l’Alto Adige occupa il 44° posto tra le 435 regioni europee per quanto riguarda il tasso di disoccupazione. Al primo posto c’è Praga con l’1,3% di disoccupazione, il Tirolo è al 23° posto con il 2,4%, il Trentino al 186° posto con il 4,8%.

Assicurare forza lavoro specializzata

L’assessore provinciale al lavoro, Philipp Achammer, valuta in maniera molto positiva i dati emersi dalla ricerca. “L’indagine – spiega – evidenzia che il mercato del lavoro altoatesino non teme confronti a livello europeo. In questo contesto la politica del lavoro a livello provinciale dà una grande importanza al reperimento di forza lavoro specializzata. Elementi fondamentali di questa politica sono lo sviluppo del sistema formativo duale, la conciliazione tra lavoro e famiglia ed un oculato ‘age management’. Il confronto a livello europeo evidenzia dove dobbiamo migliorare per continuare a far parte delle regioni di punta a livello europeo”.



Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211