Menu

Al siriano Sheik Abdo il premio diritti umani

Pubblicato il 6 marzo 2019 in Agenda

Schermata 2019-03-06 alle 14.46.26  

Dal 2007 la Provincia supporta l’attività dell’associazione senza scopo di lucro Operation Daywork, che raccoglie studenti degli istituti superiori e professionali dell’Alto Adige e del Trentino impegnati nella cooperazione allo sviluppo e per la giustizia sociale. Ogni anno l’associazione consegna il Premio diritti umani e quest’anno il destinatario è Abdel Rahim Hysan, meglio noto come Sheik Abdo, cittadino siriano ritenuto il migliore destinatario di questo riconoscimento alla luce del suo impegno per i bambini siriani rifugiati in Libano e per la sua “Proposta di pace per la Siria”. Sheik Abdo riceverà il premio direttamente dalle mani del presidente Arno Kompatscher nel corso di un incontro pubblico martedì 12 marzo 2019, alle 18, nel cortile Interno di Palazzo Widmann.

Sheik Abdo viene dal sud della Siria, nelle vicinanze di Homs, dove ha lavorato inizialmente come maestro elementare. Con lo scoppiare delle manifestazioni contro il regime di Bashar Al-Asad, nel marzo 2011, istituisce così una clinica per il trattamento dei feriti nelle manifestazioni civili di protesta, impossibilitati a ricevere cure da parte del sistema sanitario istituzionale. Nell’agosto del 2011 Sheik Abdo scopre di essere ricercato dalle forze governative siriane e assieme alla moglie, lascia la Siria e si reca nel nord del Libano dove nel 2012 apre una clinica gratuita per curare i siriani malati e feriti in Akkar. Le autorità libanesi dopo alcuni mesi hanno richiesto la chiusura della piccola clinica informale. Nel 2013, Sheik Abdo fonda un’associazione di auto mutuo aiuto laica e apartitica, Al-Ihsan, composta da attivisti siriani e libanesi di diverse comunità, unite dall’obiettivo di aiutare i siriani sfollati. Parte così anche il progetto del Malaak Center, un centro scolastico che accoglie oggi 460 studenti tra i 3 ed i 17 anni e 14 insegnanti, che è anche un centro di riabilitazione psicologica per bambini. Dal 2015 Sheik Abdo è portavoce della “Proposta di pace per la Siria”, un appello redatto con l’associazione Operazione Colomba all’interno delle tendopoli dell’Akkar. Le richieste sono la creazione di una zona umanitaria in Siria, la fine dei bombardamenti e della fornitura di armi, un governo di unità nazionale che rappresenti tutti i siriani, una rappresentanza civile alle trattative di pace di Ginevra, un cambio di rotta nella lotta all’estremismo e una pronta assistenza alle vittime. Dal 2017 ad oggi Sheik Abdo ha raccolto sostegno internazionale alla sua proposta e l’8 dicembre scorso ha incontrato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211