Menu

Adige, lavori di manutenzione sugli argini

Pubblicato il 21 febbraio 2019 in Territorio

lavori_adige  

I lavori di manutenzione dell’Adige sono passati 19 anni fa dalla competenza dello Stato a quella della Provincia. Gli interventi programmati prevedono ogni anno in corrispondenza delle strettoie del fiume e dei ponti lavori per la potatura degli alberi troppo alti, lo sfoltimento della vegetazione troppo fitta e l’asportazione di accumuli sabbiosi sulle rive. «Per essere preparati a una eventuale piena dobbiamo recuperare sufficiente spazio per le acque dell’Adige e condurre lavori di manutenzione e di messa in sicurezza degli argini» spiega il direttore dell’Agenzia per la Protezione civile Rudolf Pollinger. Attualmente dieci squadre di operai sono al lavoro per il potenziamento degli argini dell’Adige a Egna e Salorno per evitare danni in caso di piena. Lungo i tratti fluviali in prossimità dei ponti e dove l’ampiezza del letto è sufficiente viene unicamente sfoltita la vegetazione per mantenerla in buone condizioni. Ciò non vale solo per l’Adige, ma anche per i suoi affluenti.

Le tipologie di intervento

Dove lo spazio lo consente, le zone di accumulo di sabbia e detriti vengono lasciate intatte o ne vengono create di nuove. «Eventi di piena o esondazioni verificatisi in passato hanno mostrato che in alcuni punti critici dell’Adige l’acqua non scorre in modo regolare» spiega Pollinger. Alberi e cespugli che crescono lungo gli argini e vi affondano le radici o possono essere divelti in caso di piena aumentano il rischio di una rottura degli argini e il rischio di inondazioni. In corrispondenza di punti o strettoie gli alberi divelti possono bloccare il regolare scorrere dell’acqua e preludere ad allagamenti. I lavori di manutenzione prevedono anche il taglio della vegetazione e dei canneti che crescono nella parte interna degli argini. «I lavori puntano sempre e comunque alla protezione dalle piene, ma dove possibile si cerca di conservare le condizioni naturali degli ambienti d’intervento» sottolinea Peter Egger, direttore dell’Ufficio Bacini montani Sud.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211