A22, manutenzione straordinaria: 68 milioni di euro per gli interventi nel 2020

Pubblicato il 2 Dicembre 2019 in Territorio

 

Prima la sicurezza: uno slogan che Autostrada del Brennero SpA ha fatto suo da sempre e che è stato confermato con la decisione del Consiglio di Amministrazione presieduto da Hartmann Reichhalter di impegnare 68 milioni di euro nel budget 2020 per la manutenzione ordinaria di A22 e di dare il via libera alla convenzione con la Provincia Autonoma di Bolzano finalizzata alla realizzazione di opere di protezione e consolidamento di cinque bacini nel tratto autostradale tra Brennero e Bolzano. “La tutela del territorio e la sicurezza dell’arteria rappresentano non da oggi una priorità costante per la Società che ho l’onore di rappresentare” ha commentato il Presidente. “Come noto – osserva l’Amministratore Delegato, Diego Cattoni – la nostra Concessione è scaduta il 30 aprile 2014. Nonostante questo, continuiamo a investire quote notevoli del fatturato in manutenzioni per garantire sempre ai nostri clienti e ai territori i migliori standard di sicurezza possibili”. L’impegno di spesa deliberato è di 68 milioni. Il 24% per spese di pavimentazione, il 19% per sistemi informatici, telematici ed impianti tecnologici, il 15% per le opere d’arte (ponti e viadotti), il 9% per le gallerie. Il rimanente per interventi di varia natura, dalla cura del verde alla segnaletica, ai sicurvia.

Via libera anche alla convenzione con la Provincia Autonoma di Bolzano per la messa in sicurezza di cinque bacini idrici tra il km 4 e il km 80 (km 0 il passo del Brennero, km 314 Campogalliano) in Val d’Isarco. Nello specifico, i rii Alpe di Ziriago, S. Kreithofer, Risa, Valsecca, Campil. Si tratta di bacini la cui portata aumenta fortemente in concomitanza di precipitazioni e che possono produrre franamenti e colate detritiche. La Società concorrerà alla spesa della Provincia Autonoma di Bolzano, prevista per 6,8 milioni con 4,6 milioni. Si tratta di una spesa che non incide sulle manutenzioni, ma sul capitolo “nuove opere”. “Sappiamo – ricorda il Direttore Tecnico Generale , Carlo Costa – che il tracciato della A22 lungo la Val d’Isarco è caratterizzato da una morfologia difficile e dalla presenza di numerosi corsi d’acqua. Massima è pertanto la nostra attenzione nell’evitare eventi franosi che possano procurare danno all’infrastruttura autostradale”. Disco verde dal CdA anche all’ordinaria manutenzione di 11 sottopassi tra i km 2 e 77, delle pile e delle spalle dei viadotti “Tisana” e “Tisana 1” (km 63), alla convenzione con l’Università di Bologna per uno studio sul miglioramento delle prestazioni acustiche delle barriere antirumore e alla realizzazione della circonvallazione di Varna.

Nel corso della seduta, il CdA ha inoltre deliberato la convocazione dell’Assemblea dei Soci perché si esprima sulla proposta della Regione Trentino Alto Adige/Südtirol volta a procedere alla distribuzione straordinaria di dividendi nell’ordine di un massimo del 10 per cento della riserva straordinaria.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211