A12, divieto di transito per i camion italiani: ricorso della Camera di Commercio all’UE

Pubblicato il 7 Giugno 2016 in Infrastrutture, Territorio

divieto di transito  

Dopo la pubblicazione lo scorso 18 maggio del provvedimento del Presidente del Tirolo inerente il divieto di transito settoriale, la Camera di commercio di Bolzano sta valutando azioni legali. “Il divieto di transito settoriale deliberato dalla Giunta regionale del Tirolo crea concorrenza sleale e danneggia in particolare l’economia altoatesina. Presenteremo ricorso a livello UE contro questa limitazione al libero traffico di merci”, dichiara il Presidente della Camera di commercio, Michl Ebner.

A partire dal 1° novembre 2016 entra in vigore per la terza volta, dopo il 2003 e il 2008, il divieto di transito settoriale per mezzi pesanti superiori a 7,5 tonnellate sull’autostrada A12 della Valle dell’Inn. Nel 2011 la Corte europea aveva già annullato il divieto di transito settoriale allora in vigore da tre anni. La sentenza fu motivata con il fatto che il divieto di transito settoriale sull’A12 rappresentava una limitazione del traffico di merci tra l’Europa settentrionale e l’Italia del Nord e che tale divieto aveva gli stessi effetti di una limitazione quantitativa e quindi della libera circolazione di merci all’interno dell’UE.

Alla luce di questa precedente sentenza riteniamo che il nostro ricorso contro il divieto di transito settoriale abbia buone probabilità di essere accolto”, afferma Ebner. Il provvedimento sul divieto di transito settoriale comporta inoltre una significativa concorrenza sleale, soprattutto tra traffico di origine e destinazione e quello in transito, che viene distinto anche per euroclasse. Il divieto di transito vale inoltre per tutti i mezzi pesanti che trasportano determinate merci quali rifiuti, pietre, piastrelle o acciaio. Le ripercussioni sull’ambiente non dipendono tuttavia dalla merce trasportata, bensì dai mezzi di trasporto.

Per quanto concerne la misurazione dell’inquinamento ambientale, la Camera di commercio propone di uniformare le stazioni presenti sull’intero tratto tra Kufstein e Ala e di integrarle con misurazioni dell’ambiente circostante, in modo da disporre di valori effettivamente confrontabili. Riguardo alla misura del divieto di transito settoriale e al miglioramento della qualità dell’aria che ne deriverebbe si può scientificamente dimostrare che un rinnovo dei mezzi di trasporto sarebbe molto più efficace.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211