Menu

Manifatturiero, fatturati (e fiducia) in aumento

Pubblicato il 7 dicembre 2017 in Imprese

Settore manifatturiero  

Il clima di fiducia nel settore manifatturiero è molto positivo. Ciò emerge dall’indagine congiunturale dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano. Quasi nove imprese su dieci giudicano soddisfacente la redditività conseguita quest’anno e per il 2018 si prevede un ulteriore miglioramento. La crescita dei fatturati si riflette positivamente anche su investimenti e occupazione.

L’edizione autunnale del Barometro dell’economia evidenzia un buon clima di fiducia nel settore manifatturiero, in miglioramento per il quarto anno consecutivo. L’89 percento delle imprese valuta positivamente la redditività conseguita nel 2017 e ben il 95 percento conta di raggiungere un risultato economico soddisfacente nel 2018.

Quest’anno l’andamento dei fatturati è stato molto positivo, sia per quanto concerne la clientela altoatesina, sia sui mercati fuori provincia. In particolare le imprese sono soddisfatte delle esportazioni: nel primo semestre 2017 l’export altoatesino ha sfiorato i 2,4 miliardi di euro, con un aumento del 7,4 percento rispetto al medesimo semestre dell’anno scorso. Nel complesso oltre la metà delle imprese manifatturiere segnala un incremento del volume d’affari, in parte dovuto ai maggiori prezzi di vendita. Per il 2018 gli operatori economici prevedono un’ulteriore crescita dei fatturati su tutti i mercati.

I giudizi degli imprenditori e delle imprenditrici riguardo la puntualità dei clienti nei pagamenti sono sostanzialmente in linea con l’anno scorso. Migliora invece lievemente l’accesso al credito e aumentano anche gli investimenti, soprattutto nei comparti dei materiali da costruzione, della meccanica e della lavorazione dei metalli. Per il 2018 si attende un’ulteriore leggera crescita degli investimenti, grazie anche alla proroga del super- e iperammortamento prevista dalla Legge di Bilancio. Altrettanto positivo risulta l’andamento dell’occupazione: tra gennaio e ottobre 2017 il numero di lavoratori dipendenti nel settore manifatturiero è stato mediamente superiore del 2,7 percento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Secondo le stime delle imprese, la crescita occupazionale dovrebbe proseguire anche nel 2018.

Un confronto tra le diverse branche del settore manifatturiero evidenzia come il clima di fiducia sia elevato soprattutto nel comparto alimentare e in quello della meccanica. Permangono invece alcune difficoltà nel settore della stampa, con oltre un quarto delle imprese insoddisfatte della redditività.

Le parole

Il Presidente della Camera di commercio, Michl Ebner, si rallegra per il buon clima di fiducia e sottolinea la grande importanza degli scambi commerciali con l’estero: «Negli ultimi anni le esportazioni hanno contribuito significativamente alla crescita dell’economia. La Camera di commercio promuove l’internazionalizzazione, sostenendo attraverso l’azienda speciale IDM gli imprenditori e le imprenditrici altoatesini che operano sui mercati esteri».

«Il trend positivo evidenziato dai dati deve essere supportato dalla puntualità dei clienti nei pagamenti, tema sul quale è necessario creare una cultura di rispetto verso l’operato delle imprese – ricorda Claudio Corrarati, presidente regionale di CNA-SHV -. Il settore tipografico, pur subendo la digitalizzazione, deve poter avere garanzia di continuità per le nostre aziende grazie all’accesso ad appalti pubblici legati a pubblicità e altre iniziative che possano essere opportunità di lavoro».

«Le imprese manifatturiere continuano ad assumere, investire e conquistare nuovi mercati – spiega Federico Giudiceandrea, Presidente Assoimprenditori Alto Adige –  È fondamentale che esse non vengano frenate nel loro sviluppo, ma anzi sostenute attraverso misure che rendano più semplice l’attività produttiva. Le nostre imprese hanno dimostrato di essere capaci di creare valore aggiunto per tutto il territorio, purché si garantisca loro lo stesso contesto competitivo dei concorrenti all’estero».

«L’andamento economico positivo, la crescente propensione agli investimenti e il buon clima di fiducia dei consumatori incidono favorevolmente anche sulla situazione occupazionale – ricorda Gert Lanz, Presidente lvh.apa -. Attualmente in numerosi settori si cerca nuova forza lavoro. L’economia e la politica devono attivarsi per coinvolgere nuovi apprendisti e garantire adeguati incentivi alla formazione».

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati

Puoi leggere anche

Più letti

Meteo in Alto Adige
Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211