Menu

Decreto sblocca-cantieri, la CNA: “Piccole imprese penalizzate”

Pubblicato il 7 maggio 2019 in Imprese, Territorio

corrarati-6  

Si dice delusa la CNA Trentino Alto Adige, dopo l’introduzione di modifiche peggiorative all’interno del decreto sblocca-cantieri. In primis il presidente Claudio Corrarati: “Dal decreto ci aspettavamo maggiore attenzione alle piccole imprese costrette ad accedere poco e con grande difficoltà al mercato degli appalti pubblici. Nulla di tutto questo è avvenuto”.

Nel Codice degli appalti – sottolinea la CNA regionale – sono state addirittura introdotte modifiche peggiorative rispetto a quelle inserite nell’ultima Legge di Bilancio. L’affidamento diretto viene ridotto da 150mila a 40mila euro. E la quota di subappalto incrementata dal 30 al 50%. Non è stato previsto niente per la suddivisione in lotti dei maxi-appalti e per valorizzare le imprese del territorio.

“Servono al più presto correttivi, strumenti e soluzioni – prosegue Corrarati – che evitino alle piccole imprese l’estromissione definitiva dal mercato degli appalti pubblici. La scelta di istituire la figura del commissario procede, invece, sulla strada giusta per rendere più fluido ed efficace il processo di rimozione degli ostacoli che finora hanno impedito l’avvio dei cantieri”.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211