Swr: bene appalti pubblici, l’82% rimane in Alto Adige

Pubblicato il 8 Novembre 2017 in Imprese

 

«Gli appalti pubblici sono importanti per le imprese altoatesine: Possono essere creati posti di lavoro e può essere generato valore aggiunto. Pertanto deve essere un obiettivo comune per tutti noi, gestire gli appalti pubblici in modo tale che tutte le imprese abbiano una reale possibilità di partecipare». Lo afferma afferma Leo Tiefenthaler, Presidente di Südtiroler Wirtschaftsring – Economia Alto Adige (swr-ea). La norma di attuazione sugli appalti pubblici pubblicata il 4 novembre rappresenta perciò un importante pilastro.

Nell’anno 2016 sul portale online della Provincia sono stati assegnati oltre 63.000 appalti pubblici. Il totale complessivo per prestazioni di lavoro, forniture e servizi ammonta a 1,186 miliardi di euro. L’82,7% degli appalti è stato aggiudicato a imprese dell’Alto Adige (equivale al 60% del valore). La legge provinciale riguardo le disposizioni sugli appalti pubblici, pubblicata nel dicembre 2015, ha consentito uno sviluppo positivo, questa la conclusione dei rappresentanti dell’economia.

Swr-ea nel corso della discussione si è impegnata per l’assegnazione degli appalti sulla base del prezzo economicamente più vantaggioso, per l’assegnazione a base dei mestieri e per una riduzione degli oneri burocratici. Richieste che sono state inserite nella Legge provinciale e tutelate, ora, mediante la presente norma di attuazione. «Anche il paragrafo della norma di attuazione che prevede che la Provincia di Bolzano può prevedere misure che favoriscono la partecipazione delle piccole e medie imprese, è per noi importante. Il 94% delle aziende altoatesine impiega meno di 10 dipendenti. È necessario gestire gli appalti pubblici, affinché anche per esse sussista un’effettiva possibilità di parteciparvi», ha sottolineato Tiefenthaler. Questa parziale libertà di azione – le vigenti direttive UE e i principi delle Leggi di riforma economico -sociale dovranno essere tenuti in considerazione anche in futuro – sarà ora consentita attraverso la nuova norma di attuazione, scrive swr-ea a conclusione di un comunicato stampa.



Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211