Sparkasse, l’utile cresce a 22,7 milioni di euro: ecco i risultati economici

Pubblicato il 5 Novembre 2019 in Imprese

 

Nella seduta del Consiglio di Amministrazione della Cassa di Risparmio di Bolzano, riunitosi in data 5 novembre 2019 sotto la guida del Presidente Gerhard Brandstätter, sono stati presentati i risultati economici e la situazione patrimoniale al 30 settembre 2019. L’utile della banca cresce a 22,7 milioni di euro (+14,4 %) rispetto ai 19,9 mln dello stesso periodo dello scorso anno ed a livello consolidato raggiunge i 23,9 mln di euro in crescita del 15,6 % rispetto al risultato al 30 settembre 2018 (20,7 mln di euro). Il Gruppo Sparkasse migliora anche i coefficienti patrimoniali che vedono l’indicatore primario di capitale (CET1) raggiungere il livello del 12,62% rispetto al valore del 12,30% di fine 2018. Anche l’indicatore che misura il capitale totale (Total Capital Ratio) è in crescita e raggiunge il livello del 13,95 %, rispetto al valore del 13,78% al 31 dicembre dell’anno scorso.

Come già comunicato precedentemente, la banca registra anche un’importante miglioramento a livello di rischi con l’indicatore che misura i rischi creditizi (NPL ratio netto) che scende al 2,8% raggiungendo un livello fra i più bassi del sistema bancario ed inferiore a quello che la banca aveva nel 2006. Le coperture sui crediti deteriorati, che misurano il livello di prudenza rappresentato dagli accantonamenti già effettuati, sono al 60,8%, anche in questo caso in crescita rispetto al livello di fine 2018 (56,4%). Il Consiglio di Amministrazione ha ricordato inoltre che quest’anno ricorrono i 165 anni dalla costituzione della banca avvenuta precisamente il 6 novembre 1854 e ha assunto la sua attività inizio gennaio 1855.

Il Presidente Gerhard Brandstätter ha dichiarato: “Il 2019 si avvia verso la conclusione e riteniamo che anche nell’anniversario dei 165 anni la banca si caratterizzi per l’applicazione di principi di prudenza, rigore e determinazione nel raggiungere i risultati. La 2 banca di oggi è una banca solida e con buoni indicatori di performance complessiva. I risultati che contiamo di raggiungere a fine anno consentiranno di poter aumentare i dividendi e siamo confidenti che nel tempo possa esserci anche un ritorno a livello di prezzo delle azioni, grazie ai fondamentali della banca che sono in continuo miglioramento e continueranno ad esserlo.”

Il Vice-Presidente Carlo Costa ha dichiarato: “La nostra responsabilità è quella di creare valore, mantenere l’autonomia della banca e permetterle di stare sul mercato guardando al futuro con la serenità di una lunga storia alle spalle ed un lungo percorso da continuare a portare avanti. Vogliamo continuare a migliorare il livello di servizio offerto ai clienti, rendere la banca ancora più efficiente e supportare famiglie ed imprese.”

L’Amministratore Delegato e Direttore Generale Nicola Calabrò ha dichiarato: ”Una storia lunga 165 anni impone a tutto il management della Cassa di Risparmio di lavorare ogni giorno con la consapevolezza che le scelte che vengono prese devono permettere di salvaguardare la banca dai rischi, rafforzarla e renderla più competitiva. I risultati al 30 settembre continuano ad andare in questa direzione. I clienti ci premiano con volumi di attività in crescita e questa fiducia ci spinge sempre di più a migliorare ancora. Siamo convinti che il nostro territorio potrà contare anche in futuro sull’avere a disposizione una forte e grande banca a servizio della collettività.”

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211