Piano sanitario provinciale, 400 osservazioni. In arrivo il testo finale

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Sono circa 400 le osservazioni e le proposte di modifica del Piano sanitario provinciale 2016-20 pervenute nelle scorse settimane da parte di organizzazioni di pazienti, partiti politici, operatori del settore, partner sociali e singoli cittadini. Tali proposte sono state ora vagliate da un’apposita commissione di esperti ed in parte inserite nel documento strategico alla base del Piano sanitario provinciale. L’assessora provinciale alla sanità ed alle politiche sociali, Martha Stocker, ha presentato oggi pomeriggio (7 novembre) una panoramica delle circa 400 osservazioni pervenute in merito ad alcune particolari tematiche del Piano, ha quindi illustrato le valutazioni espresse dagli esperti e le proposte che hanno trovato inserimento nel testo.

“Siamo particolarmente soddisfatti che un così grande numero di persone si siano confrontate in merito al Piano sanitario provinciale 2016-20 ed abbiano voluto inviare le loro proposte di miglioramento dell’assistenza sanitaria in Alto Adige” ha affermato l’assessora. Delle 393 proposte pervenute la commissione di esperti ha deciso di inserirne 184 nel testo definitivo del documento “Dobbiamo tener presente che il Piano sanitario provinciale è un piano che indica le linee strategiche e di indirizzo per i prossimi  anni. Molte osservazioni si riferiscono a dettagli relativi all’assistenza sanitaria e non rientrano quindi nel Piano mentre possono essere attinenti ad altri livelli come, ad esempio, l’ordinamento aziendale dell’Azienda sanitaria provinciale” afferma l’assessora Stocker.

La maggior parte delle osservazioni e delle proposte pervenute riguardano l’assistenza ospedaliera. Ben 103 delle 199 osservazioni relative a temi come l’utilizzo dei posti letto, la programmazione dei letti per acuti e post acuti, il ruolo dei privati nella riabilitazione, i flussi di utenti, i profili delle prestazioni degli ospedali e la collaborazione tra due ospedali, sono state inserite nel testo del Piano. Altre proposte riguardano l’assistenza sanitaria sul territorio, l’assistenza tra i settori sanitario e sociale, la prevenzione, le misure di accompagnamento. “Dopo una serie di processi partecipativi ai quali hanno preso parte complessivamente circa 500 operatori della sanità, rappresentanti di organizzazioni di pazienti, partiti politici, operatori del settore, partner sociali e singoli cittadini e dopo la conclusione odierna il Piano sanitario provinciale sta per giungere in dirittura finale” dichiara soddisfatta l’assessora.

Il documento strategico sull’assistenza sanitaria in Alto Adige sarà presentato presumibilmente entro novembre alla Giunta provinciale.

Ti potrebbe interessare