Brennero, per la Cassazione il parco eolico «non s’ha da fare»

Pubblicato il 9 Giugno 2017 in Imprese, Territorio

 

Il parco eolico del Brennero «non s’ha da fare». Non lo dicono i bravi del Manzoni, ma una sentenza della Corte di Cassazione, che ad aprile si è pronunciata mettendo la pietra tombale definitiva sul progetto. Una definizione, quella di «pietra tombale», non casuale: a dirlo sono i vertici di Leitwind, azienda del gruppo Leitner, che hanno comprato pubblicità sui due quotidiani in lingua italiana dell’Alto Adige per dare notizia della sentenza.

Schermata 2017-06-09 alle 07.38.50 (1)Non che la sentenza fosse del tutto inaspettata: in tal senso – negativo – si erano già pronunciati il Tar regionale nel 2012 e il consiglio di Stato due anni dopo. La Leitwind ha sottolineato quanto si andrà a perdere: 86 milioni di kWh l’anno, equivalenti al fabbisogno energetico di 32mila famiglie, pronti a garantire un risparmio annuo di 70 milioni di euro, oltre a 450mila euro di ricavo annuo garantito per 30 anni al Comune di Brennero per la realizzazione di un impianto da 70 milioni di euro.

Salta così quello che sarebbe stato nelle intenzioni il primo parco eolico delle Alpi. La Corte di Cassazione, nelle motivazioni, ha ricordato quanto detto dal Consiglio di Stato in merito all’autosufficienza energetica dell’Alto Adige che i legali dell’azienda ricordano invece essere «inesistente».



Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211