Menu

«Local & Fair», arriva il marchio per la sostenibilità alimentare

Pubblicato il 2 ottobre 2018 in Territorio

localfair  

Parte in Alto Adige un progetto pilota per promuovere le politiche alimentari sostenibili. Si tratta del primo passo concreto, con l’approvazione della giunta provinciale, del percorso concordato con il commissario europeo Vytenis Andriukaitis che, nella sua visita a Bolzano lo scorso 4 giugno, ha manifestato il proprio convinto appoggio alla proposta altoatesina di avviare un progetto pilota europeo per promuovere la sostenibilità alimentare. La società provinciale IDM verrà ora incaricata di elaborare un piano per la realizzazione del progetto. Prenderanno parte all’elaborazione del piano partner sociali ed economici del territorio come gli agricoltori del Bauernbund, gli albergatori dell’HGV o il Centro sperimentazione Laimburg.

Il progetto pilota poggia su tre pilastri. Il primo punta al rafforzamento delle strutture di produzione e distribuzione di prodotti alimentari locali, con l’obiettivo di creare una piattaforma unica per commercializzare prodotti a km zero in hotel e ristoranti. Un secondo leitmotiv è rappresentato dall’introduzione del marchio local & fair, che potrebbe contrassegnare un’azienda particolarmente attenta sul fronte della sostenibilità alimentare. L’utilizzo di “local & fair” in particolare verrebbe applicato ad alimenti venduti nei supermercati o alle pietanze indicate nei menu dei ristoranti. La parola “fair” intende indicare, ha chiarito il presidente della Provincia, il ricorso a prodotti che, nonostante la loro provenienza da fuori provincia, rispettano ugualmente i criteri di eticità nella produzione come nel caso del cacao o di altri prodotti. “Questo provvedimento è una piccola misura compensativa di fronte alle ingiustizie del mercato globale, che sono anche all’origine delle migrazioni di massa di oggi” ha sottolineato il presidente. “Con tale iniziativa vogliamo fare non solo il bene dell’Alto Adige ma anche garantire una maggiore sostenibilità nell’ambito dell’UE” ha aggiunto il presidente.

L’ultimo e fondamentale pilastro intende introdurre criteri premiali per i prodotti a km zero, che di norma vengono immessi sul mercato a un prezzo più elevato rispetto a quelli della grande distribuzione. Per ovviare a questo problema negli appalti pubblici per la fornitura di alimenti verranno introdotti criteri per agevolare i fornitori di prodotti sostenibili, regionali e naturali.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Puoi leggere anche

Più letti

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211