Commercio al dettaglio, clima positivo: soddisfatto quasi il 90% degli esercenti

Pubblicato il 17 Dicembre 2019 in Lavoro

 

Il clima di fiducia nel commercio al dettaglio altoatesino è positivo e in crescita. Ciò emerge dal Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano. Quasi nove imprese su dieci concluderanno il 2019 con un risultato economico soddisfacente e per il 2020 si prevede un ulteriore leggero miglioramento. Nel settore del commercio e della riparazione di veicoli la fiducia è in lieve calo ma ancora elevata, con circa il 90 percento delle imprese soddisfatte della redditività. Il 2019 è stato un anno positivo per il commercio al dettaglio altoatesino, con l’88 percento degli esercenti che valuta positivamente la redditività conseguita. Inoltre, le aspettative per il 2020 sono di ulteriore crescita, tanto che ben il 92 percento delle imprese confida di chiudere il prossimo anno con un risultato d’esercizio soddisfacente.

Nel 2019 si è registrato un incremento dei fatturati, ottenuto grazie alla clientela altoatesina ed estera. Il volume d’affari realizzato con acquirenti di altre province italiane è invece calato. Tale dinamica rispecchia l’andamento del comparto turistico, che quest’anno ha visto una leggera diminuzione degli ospiti italiani. L’incremento dei prezzi al consumo è stato assai contenuto (+1,1 percento negli ultimi dodici mesi), contribuendo solo marginalmente alla crescita dei fatturati. Sono altresì aumentati gli investimenti, soprattutto nel comparto dei supermercati, e l’occupazione: tra gennaio e ottobre 2019 il numero di lavoratori dipendenti nel commercio (incluso quello all’ingrosso) è stato mediamente superiore del 2,2 percento rispetto all’anno scorso. L’aumento dei costi è stato però sostenuto e un quarto dei commercianti segnala un peggioramento della propria situazione competitiva. Per il 2020 si prevede ancora una leggera crescita del volume d’affari, mentre occupazione e investimenti rimarranno stabili.

Per quanto riguarda le singole branche del commercio al dettaglio, il miglior clima di fiducia si riscontra nel comparto dei supermercati, che evidenzia anche la maggior crescita dei fatturati. Si segnalano invece difficoltà nel comparto dei casalinghi e dell’arredamento, dove oltre un terzo degli operatori segnala una redditività insufficiente. Il clima di fiducia nel settore del commercio e della riparazione di veicoli, pur in leggero calo rispetto allo scorso anno, si conferma positivo: il 91 percento delle imprese ritiene di poter chiudere l’esercizio 2019 con un risultato soddisfacente. L’aumento del giro d’affari, attribuibile unicamente alla clientela locale altoatesina, è stato comunque più contenuto rispetto agli ultimi anni. Si segnalano, inoltre, un peggioramento delle condizioni di accesso al credito e della puntualità della clientela nei pagamenti. Per il 2020 non si prevedono incrementi di fatturato e anche l’attività di investimento rimarrà debole, ma la redditività dovrebbe mantenersi soddisfacente per quasi il 90 percento delle imprese.

Il Presidente della Camera di commercio, Michl Ebner, si rallegra per il miglioramento del clima di fiducia nel commercio al dettaglio altoatesino: “I giudizi sulla redditività migliorano per il secondo anno di fila, riportandosi sui livelli più alti dal 2016. Ciò anche grazie all’andamento positivo del turismo, che in parte supplisce alla perdita di fatturato generata dalla concorrenza dell’e-commerce.”

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211