Alto Adige austriaco nel diario scolastico, la polemica diventa europea

Pubblicato il 4 Settembre 2017 in Territorio

 

Il Sudtirol non è Italia ma fa parte dell’Austria. Così è stata presentata la Provincia Autonoma di Bolzano sulla «nuova» cartina geografica stilata dal partito Süd-Tiroler Freiheit che nei giorni scorsi ha suscitato clamore non solo in Italia ma anche a livello internazionale. La mappa del movimento politico indipendentista, fondato e guidato da Eva Klotz, figlia del militante separatista Georg Klotz, si trova all’interno della ottava edizione del suo «Diario scolastico tirolese», che viene distribuito gratis a duemila alunni e studenti in Alto Adige e nel Tirolo austriaco. Sulla cartina dal titolo «Österreich und seine Bundesländer mit Südtirol» (tradotto in italiano: «L’Austria con le sue Regioni assieme all’Alto Adige») la Provincia di Bolzano fa parte del Tirolo con capoluogo unico Innsbruck. Il Trentino, invece, si trova fuori dai confini nazionali austriaci e viene indicato come «Welsch Tirol». La facenda ha provocato grandi polemiche non solo nei media italiani e austriaci ma anche nel resto d’Europa, arrivando persino in Polonia. Da dieci anni ormai la Süd-Tiroler Freiheit punta alla separazione dell’Alto Adige dall’Italia con annessione all’Austria.

Johanna Roellecke

 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211