Abolita la quarantena per lavoratori e studenti che stanno in Austria meno di 3 giorni

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Abolita la quarantena di 14 giorni per i lavoratori e gli studenti altoatesini che rientrano dall’Austria entro un massimo di 72 ore. Lo sancisce un accordo tra Prefettura, Provincia e Autorità sanitaria e governo austriaco: in caso di comprovate esigenze lavorative o di studio di massimo 3 giorni, i dipendenti delle imprese altoatesine che rientrano dall’Austria e gli studenti universitari saranno equiparati ai lavoratori transfrontalieri e quindi non saranno più sottoposti alla quarantena obbligatoria di 14 giorni al loro rientro in Italia.

Secondo Assoimprenditori si tratta di un primo passo molto atteso: le imprese altoatesine, che hanno nel mercato europeo lo sbocco principale, erano limitate nella loro attività dall’obbligo di quarantena che, al loro rientro in Italia, costringeva a casa per 14 giorni collaboratori impegnati all’estero anche per interventi di breve durata. «Molte nostre imprese associate lamentavano questa difficoltà nei rapporti con i loro clienti all’estero. Da giorni siamo in costante contatto con le autorità competenti. Ringraziamo il Prefetto Vito Cusumano, gli assessori provinciali all’Economia Philipp Achammer e alla Sanità Thomas Widmann per il loro impegno: grazie a questo gioco di squadra è stato possibile arrivare a questo primo importante risultato», è il riconoscimento che arriva dal Presidente di Assoimprenditori Alto Adige, Federico Giudiceandrea.

La nuova normativa, valida solo per dipendenti di imprese con sede in Alto Adige, riguarda esclusivamente il rientro in Italia dei dipendenti. L’ingresso nei diversi Stati esteri resta invece regolamentato dalle specifiche disposizioni in vigore nei Paesi di destinazione. «Per questo motivo ci auguriamo che presto si arrivi anche ad una soluzione europea che renda meno problematici gli spostamenti per motivi di lavoro», così Giudiceandrea.

Ti potrebbe interessare