Menu

Nocciolo e ontano (già) in fiore, consigli per gli allergici

Pubblicato il 21 febbraio 2019 in Territorio

noccioloontano  

«Grazie alle temperature miti di questi giorni, sono in piena fioritura le piante di nocciolo e ontano. Rilasciano polline anche i cipressi e gli olmi. Per il bel tempo dei prossimi giorni è previsto un aumento delle concentrazioni polliniche», sottolinea Edith Bucher, responsabile del servizio d’informazione pollinica dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima. Verso la fine del mese di febbraio e gli inizi di marzo nella valle dell’Adige e in Bassa Atesina potrebbero inoltre volare i primi pollini del frassino, del pioppo, del salice. Per la betulla il periodo di fioritura si ha solitamente verso la metà di marzo.

«Il servizio d’informazione pollinica presso il Laboratorio biologico monitora l’andamento delle concentrazioni di polline nell’aria», fa presente Alberta Stenico, direttrice del laboratorio. Le previsioni sul volo pollinico sono uno strumento importante nella gestione delle allergie, da una parte per evitare il più possibile il contatto con gli allergeni dei pollini e dall’altra per ridurre il consumo di medicinali.

Per le persone allergiche è consigliabile durante il fine settimana trascorrere il tempo libero all’aria aperta a quote più elevate, dove la fioritura non c’è ancora, oppure restare in casa. Il pericolo, però non è dovuto solo alla presenza di polline nell’aria. Infatti, se una persona è allergica al polline del nocciolo e dell’ontano deve fare attenzione alle reazioni allergiche incrociate: potrebbe avere una reazione allergica mangiando le noci o un cioccolatino! Semplici consigli che possono aiutare a stare meglio. Sulla pagina dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima le persone allergiche trovano alcuni consigli utili e anche i bollettini del polline riferiti a varie aree del territorio altoatesino. «Il bollettino sui pollini viene redatto a cadenza regolare – fa presente l’esperta Bucher – e oltre che consultato online può essere spedito via mail su richiesta delle persone interessate».

Le persone allergiche possono ricevere direttamente sul proprio smartphone o tablet le previsioni sul volo pollinico del giorno stesso e dei due giorni successivi grazie all’applicazione Pollen-app. «Inserendo regolarmente i disturbi della propria allergia nel diario elettronico, è possibile creare un grafico della propria sintomatologia e ottenere una panoramica dell’andamento della propria allergia» spiega Edith Bucher. Inoltre, è possibile ottenere una previsione personalizzata sulla carica pollinica. «Per poter adattare al meglio le previsioni al quadro clinico della persona allergica è indispensabile che il diario dei pollini venga aggiornato regolarmente», fa presente l’esperta. Avvisi personalizzati come anche eventuali notizie tramite notifiche push, facilitano la gestione dell’allergia ai pollini.

I dati raccolti sulle allergie supportano l’attività del servizio d’informazione pollinica, in quanto possono essere valutate meglio le concentrazioni polliniche che causano reazioni allergiche. I casi di reazioni allergiche riferiti dagli utenti vengono riportati in forma anonima su una carta geografica europea .

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211