Menu

Il paradosso del troppo lavoro altoatesino: aziende senza manodopera

Pubblicato il 20 Giugno 2017 in Imprese, Lavoro

Barometro Ipl  

La situazione lavorativa è ottima, dunque allarmante. Può sembrare un paradosso ma in realtà non è così. Il lavoro altoatesino veleggia verso l’obiettivo prefissato di piena occupazione ma per le imprese continua la cronica mancanza di forza lavoro: se già tutti hanno un impiego, manca la manodopera. Non solo: il fatto che si trovi facilmente un lavoro scoraggia i giovani a formarsi. Se mancano lavoratori, quindi, figurarsi quelli altamente qualificati dei quali hanno bisogno le aziende. Helmuth Sinn, direttore della ripartizione lavoro, lo ha detto presentando i dati occupazionali: «Soffriamo di una mancanza di lavoratori in quasi tutti i settori». Turismo, agricoltura, industria, tutti accomunati dal problema.

Ma cosa dicono di altro i dati del bollettino lavoro altoatesino?  L’assessora Stocker ha esemplificato l’enorme messe di dati riguardanti oltre 70 figure professionali citando, come esempio, la struttura anagrafica che caratterizza la professione medica: «In questo settore – ha detto la Stocker – attualmente, gli uomini sono poco più della metà con il 53%, ma mentre la loro età media è di 50 anni quella delle donne si aggira intorno ai 43 anni e quindi nel prossimo futuro in questo settore il rapporto tra i generi è destinato a capovolgersi. È importante dunque che ci confrontiamo per tempo con le conseguenze di questa trasformazione e teniamo quindi conto di fattori importanti come la conciliazione tra famiglia e  lavoro».

Sempre in relazione al rapporto tra i generi nei vari settori occupazionali si può rilevare, sulla base dei dati resi noti, che solo in pochi ambiti vi è un rapporto equilibrato tra uomini e donne. Un terzo degli uomini, infatti, lavora in ambiti professionali nel quale predomina il genere maschile e dove la presenza femminile si aggira intorno al 10%. Si tratta, nello specifico, del settore produttivo e dei campi di attività tecnico-artigianali. La percentuale di donne che svolge una professione “femminile” è con il 1 4% molto inferiore. Per contro, solo l’1 % degli uomini svolge una professione “femminile” e la stessa percentuale di donne svolge una professione “maschile”. Nell’ambito dei dati non vengono analizzati solamente fattori come il genere, la cittadinanza, la durata dei contratti e l’età bensì vengono rappresentati i singoli settori economici nei quali i vari gruppi professionali operano e ciò lungo un arco temporale di sette anni.

 

Per quanto riguarda l’età emerge in maniera chiara che i lavoratori nelle professioni artigianali hanno un’età media sensibilmente più bassa. Questo è ascrivibile, in larga parte, alla giovane età in cui si accede a queste professioni attraverso il tradizionale apprendistato e a un passaggio successivo alla professione autonoma. Un’età media superiore caratterizza, con qualche eccezione, i lavoratori delle professioni per le quali è necessario possedere per esempio una laurea. Riguardo ai settori nei quali vi è un’età media particolarmente elevata il direttore dell’Osservatorio del mercato del lavoro, Stefan Luther ha sottolineato che «in linea di principio sono possibili solamente due scenari: la scomparsa di questa specifica attività o la sfida di ripopolare questi settori professionali con forze giovani». Un esempio di questa inversione di tendenza, secondo l’assessora Stocker, è rappresentato dal settore della falegnameria dove sino ad alcuni anni fa vi era una forte crisi ed oggi, al contrario, l’età media degli occupati è di 34 anni. Secondo il direttore della Ripartizione lavoro Helmuth Sinn, «le analisi svolte possono essere estremamente utili per la formazione e l’orientamento professionale. Così come per il mondo dell’economia che attualmente in Alto Adige attraversa auna forte congiuntura positiva. Nel contempo si riscontra la carenza di forza lavoro e soprattutto di personale altamente qualificato».

Dai dati pubblicati dall’Osservatorio del mercato del lavoro emerge che: la maggior parte dei lavoratori è attiva nelle professioni amministrative  (quasi 150 persone su 1000), il secondo settore più rappresentato è quello del commercio (con quasi 67 persone su 1000), e le professioni nel settore turistico-alberghiero.  In tutti questi settori la percentuale dei lavoratori con contratto a tempo indeterminato supera il 75%. Le professioni con la percentuale più elevata di dipendenti a tempo indeterminato nel 2016 erano quelle dei forestali (100%), degli stradini (98,2%), e degli impiegati bancari allo sportello (97%). Le figure professionali con la più bassa percentuale di dipendenti a tempo indeterminato sono quelli dei cernitori di frutta (5,3%), degli ausiliari agricoli (7,6%) dei massaggiatori e delle babysitter. Va inoltre sottolineato che queste attività ausiliarie denotano percentuali particolarmente elevate di lavoratori stranieri, per lo più extracomunitari.

 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211