Telefoni cellulari, potenziata la ricezione in ventitré gallerie

Pubblicato il 29 Agosto 2017 in Infrastrutture, Opportunità

telefonia  

Definite oggi, 29 agosto, dalla Giunta provinciale le caratteristiche tecniche per attrezzare i 23 tunnel stradali più trafficati dell’Alto Adige con impianti di ricezione per la telefonia mobile. L’intervento, coordinato dal Servizio strade della Provincia, prevede l’installazione di una rete di impianti di trasmissione separati per singolo gestore. Con questa soluzione ogni gestore, dopo aver ottenuto una concessione pluriennale, potrà gestire il proprio impianto e sarà responsabile della relativa manutenzione. «L’obiettivo della Provincia come gestore delle gallerie stradali è favorire un intervento tempestivo nei casi di emergenza, dall’incidente all’incendio. Soprattutto poter avvisare rapidamente le forze di intervento è fondamentale per ridurre il rischio di danni a persone e agli impianti», sottolinea l’assesore provinciale alla mobilità Florian Mussner. E anche se nelle gallerie sono presenti, ogni 150 metri, specifiche nicchie di soccorso, l’esperienza dimostra che l’utilizzo di queste nicchie SOS per telefonate di emergenza è ridotto al minimo: gli utenti della strada in casi critici preferiscono usare il proprio cellulare.

Ecco i tunnel

In questa prima fase 23 gallerie saranno attrezzate meglio per la ricezione della telefonia mobile. La scelta dei tunnel si basa su tre criteri: la posizione sugli assi stradali principali (SS12, SS49, SS38, ecc.), il traffico giornaliero medio della strada, la lunghezza della galleria. Nell’operazione di copertura con sistema GSM delle 23 gallerie la Provincia investe circa 2,6 milioni di euro. I tunnel interessati sono quelli di Stava, Naturno e Tel (Statale della Venosta), i due tunnel sulla MeBo e quello della circonvallazione di Merano. Sulla Statale del Brennero saranno potenziate le gallerie Castelfeder, San Daniele, Laives e San Giacomo, il Virgolo, le due gallerie a Campodazzo e le due a Bressanone, i tunnel a Varna, Mezzaselva, Novale e Colle Isarco. In val d’Ega l’intervento riguarda le gallerie Cornedo, Campegno e Nova Levante, sulla Statale della Pusteria i due tunnel a Rio Pusteria, la galleria di Castel Badia e quelle a Brunico, Monguelfo e Villabassa. Migliore ricezione sarà infine assicurata anche nel tunnel sulla strada provinciale per Fiè.

Telefonia, la potenza dipende dai gestori

Attualmente la potenza del segnale irradiato in galleria dipende dai gestori di telefonia mobile, che hanno la possibilità di installare (o meno) le loro apparecchiature nelle gallerie ritenute importanti. Va ricordato che per garantire una continuità del servizio telefonico all’interno e dopo l’uscita dalla galleria, è tuttavia necessaria un’adeguata copertura del segnale anche all’esterno della galleria.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211