Menu

Caramaschi, niente disobbedienza civile. «Il Decreto Sicurezza è legge e va rispettato»

Pubblicato il 7 Gennaio 2019 in Territorio

 

Arriva anche in Alto Adige l’eco della polemica nazionale sul decreto sicurezza voluto dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini. E se a Merano la maggioranza si spacca, con la proposta di «disobbedienza civile» sulla scia di quanto fatto dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il primo cittadino di Bolzano, Renzo Caramaschi, è di altra idea: la legge è legge e come tale va rispettata. Caramaschi evidenzia come il “Decreto Salvini” promulgato dal Capo dello Stato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, sia a tutti gli effetti, Legge dello Stato e come tale vada applicato dai sindaci, non nella loro veste di responsabili dell’amministrazione comunale, ma come ufficiali di Governo, dovere al quale gli stessi sindaci, non possono sottrarsi. «Altro è il giudizio politico condivisibile o meno, così come ad altri toccherà eventualmente sollevare la questione di incostituzionalità del Decreto che dovrà essere vagliata dalla Suprema Corte». Non spetta dunque ai sindaci valutare le singole norme, bensì farle rispettare a prescindere dalla loro condivisione, a meno che, aggiunge Caramaschi «non si voglia scardinare lo stato di diritto della Repubblica Italiana».

Nel merito dell’accoglienza ai migranti il Sindaco di Bolzano ricorda come per altro si fosse già a suo tempo attivato sulla questione, con lettera indirizzata al Prefetto. Per quanto riguarda il “Servizio Emergenza Freddo” al fine di garantire il riparo notturno alle persone senza fissa dimora che trascorrono le notti dormendo all’aperto in città, ad oggi il Comune di Bolzano mette a disposizione 100 posti letto presso la struttura di via Ludwig von Comini, 16 posti letto per donne presso la struttura “Conte Forni” e 50 posti letto presso i container di via Macello per un totale di 166 posti letto per la stagione invernale. Tuttavia, molti richiedenti asilo vengono attualmente accolti nei centri per l’emergenza freddo succitati e non nei centri di accoglienza gestiti dalla Provincia di Bolzano. Di qui la richiesta di un intervento del Commissario del Governo affinché i richiedenti asilo attualmente accolti nei centri per l’emergenza freddo vengano trasferiti nei  centri di accoglienza di competenza. Ciò consentirebbe al Comune di Bolzano di poter garantire alla maggior parte delle persone senza fissa dimora presenti sul territorio cittadino, un riparo notturno durante i mesi invernali.

Caramaschi ha anche affermato di voler attendere, con una certa curiosità, gli atti concreti paventati da alcuni sindaci che hanno dichiarato di voler invitare i responsabili degli Uffici Anagrafe a non procedere con l’applicazione del Decreto.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211