Menu

Transart, dalle fabbriche alle chiese l’arte contemporanea invade l’Alto Adige

Pubblicato il 29 agosto 2018 in Culture

Schermata 2018-08-29 alle 11.00.30  

C’è il sapore della decostruzione semantica di alcuni grandi luoghi legati ad aziende, che ospiteranno eventi creati «ad hoc». Il tutto in un contesto ormai fortemente internazionale: dal 6 al 30 settembre torna – ed è la diciottesima edizione – Transart, il festival che porta la cultura contemporanea (in tutte le sue forme) sul territorio altoatesino. Un festival che si farà trovare in fabbriche come in vecchie fortezze, in parchi tecnologici e chiese. Fra le iniziative di Transart di quest’anno, giusto per fare degli esempi: concerti amplificati da piccoli droni, chef e musicisti fianco a fianco per comporre un’unica orchestra, classici della letteratura riletti in chiave elettro-beat, mondi paralleli di luci e suono, notti di stelle e flamenco, dj-set iperbolici, concerti per voce in riva a un lago nero o per campanacci nei pascoli sfiorati dal sole dell’autunno altoatesino.

Transart è uno dei più importanti festival multidisciplinari di cultura contemporanea in Italia. Apprezzato in tutto Europa,  coinvolge il pubblico in una nuova ed emozionante scoperta dei più importanti e innovativi progetti di cultura contemporanea allestiti in spazi che ne esaltano il carattere sperimentale: fabbriche abbandonate, baite in alta montagna, ex-caserme, università. Partendo da Bolzano, centro nevralgico del festival, musica classica, elettronica, performance, spettacoli, mostre, cinema, nuove tecnologie vengono presentati, in tutta la regione da nord a sud, creando una piattaforma contemporanea interregionale e transfrontaliera.

Negli anni il festival ha ospitato artisti di tutto il panorama internazionale, fra cui Marina Abramović, Nils Frahm, Laurie Anderson, Blixa Bargeld, Omar Souleyman, Matthew Barney, Jon Hopkins, Beat Furrer, Klangforum Wien, Matthew Johnson, Moataz Nasr, Sonic Youth, Quiet Ensemble, Teho Teardo, Tokyo Contemporary Dance, Roman Signer, Tomoko Mukayama; e ha collaborato con Festival come MUTEK Montreal, Maerz Musik Berlin, Club To Club Festival, Klangspuren Schwaz, Elevate Festival.

Il programma completo è disponibile qui, sul sito del festival. 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Puoi leggere anche

Più letti

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211