Menu

Rifugi e malghe, nuovi contributi per l’elettricità

Pubblicato il 21 giugno 2018 in Agenda, Infrastrutture, Territorio

rifugi e malghe  

Con due delibere la Giunta provinciale nella seduta del 19 giugno ha fissato nuovi criteri per la concessione di contributi nel settore della distribuzione di energia e dell’approvvigionamento elettrico. Tali criteri vanno a sostituire quelli esistenti risalenti all’anno 2010, che sono stati adeguati alle nuove disposizioni UE. Il Consiglio dei Comuni e il tavolo di esperti sull’energia avevano in precedenza espresso il loro parere positivo al riguardo. “I criteri sono stati adeguati allo scopo di garantire la distribuzione elettrica sul territorio provinciale in maniera ancora più efficiente e rispettosa dell’ambiente”, afferma l’assessore provinciale all’energia e ambiente Richard Theiner.

Rifugi e malghe, nuovi criteri

Nel primo caso si tratta dei contributi per la costruzione di nuovi impianti idroelettrici e l’ampliamento di impianti esistenti, per l’approvvigionamento con energia elettrica di immobili non allacciati alla rete elettrica. Sono interessati dal provvedimento edifici rurali, prime abitazioni, edifici aziendali, rifugi e malghe, per i quali non risulti realizzabile un allacciamento alla rete elettrica ecocompatibile, a costi proporzionati e senza specifiche difficoltà tecniche.

Nel secondo caso, il provvedimento si riferisce ai contributi a favore delle imprese distributrici di energia elettrica per nuovi allacciamenti alla rete elettrica di malghe e rifugi, per la sostituzione o potenziamento di impianti di distribuzione di energia elettricanelle zone rurali, per l’interramento di linee aeree a media e bassa tensione, nonché per il ripristino di allacciamenti alla rete elettrica in seguito a calamità naturali. I nuovi criteri, dopo l’approvazione della Giunta provinciale, saranno ora notificati alla UE. Una volta avvenuta la notifica i nuovi criteri entreranno in vigore. Le nuove domande di contributo potranno essere presentate, prima dell’avvio dei lavori, all’Ufficio elettrificazione, in via Mendola 33 a Bolzano, che fornisce inforamzioni sulle modalità di presentazione e sulla documentazione necessaria. Le nuove linee guida, una volta entrate in vigore, saranno applicate anche alle richieste già inoltrate ma non ancora trattate.

 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Puoi leggere anche

Più letti

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211