Menu

Ricercatori, contributi fino a 3mila euro per chi pubblica in «open access»

Pubblicato il 3 luglio 2017 in Innovazione, Opportunità, Territorio

ricerca scientifica ter  

Per favorire una maggiore diffusione a livello internazionale della conoscenza scientifica prodotta in Alto Adige, la Provincia ha deciso di sostenere i ricercatori che pubblicano i loro risultati scientifici con licenze «open access», rendendoli cioè accessibili a tutti gratuitamente. La Giunta ha pertanto approvato i criteri per la concessione di contributi per la pubblicazione di articoli scientifici di alta qualità prodotti in Alto Adige, che diventano accessibili a tutti grazie alle licenze «open access» e «article processing charges», vale a dire i pagamenti effettuati a favore delle case editrici di riviste scientifiche per rendere le pubblicazioni scientifiche liberamente accessibili. In pratica, la nuova agevolazione consente ai ricercatori altoatesini che pubblicano l’articolo di acquistare dalla rivista scientifica i diritti di copyright.

Di norma un ricercatore pubblica i risultati della sua ricerca su riviste scientifiche internazionali, che a loro volta sono accessibili solo dietro sottoscrizione di un abbonamento, a costi sempre più elevati. A causa di questi costi si registra un calo del numero di abbonamenti, a scapito della diffusione del sapere scientifico a livello internazionale. «Per contrastare questo trend, il formato open access è un valido strumento che rivoluziona il modello economico su cui si regge l’editoria scientifica: non è più infatti l’utente che paga per leggere l’articolo ma è l’autore che, per permettere la piena accessibilità e diffusione di quest’ultimo, sostiene i costi editoriali. Ora i ricercatori dell’Alto Adige possono contare sull’apporto della Provincia per far conoscere i risultati delle loro ricerche non più solo su base esclusiva» sottolinea il presidente Arno Kompatscher.

Ecco come accedere ai contributi della Provincia

I criteri saranno pubblicati sul Bollettino ufficiale della Regione di domani, 4 luglio, e sono stati elaborati dalla Ripartizione innovazione, ricerca e università, che mette a disposizione 75.000 euro per il 2017 e 70.000 euro per il 2018 a fronte di singoli contributi che si aggireranno intorno ai 3.000 euro ciascuno. L’articolo deve essere il risultato di un progetto di ricerca finanziato da un ente di ricerca altoatesino, o redatto da un ricercatore affiliato all’ente, e deve essere pubblicato su riviste classificate, in base a comprovati ed oggettivi criteri di valutazione, come le migliori in ambito scientifico. La domanda, redatta sul modulo predisposto dalla Ripartizione, deve essere presentata entro il 25 novembre dell’anno in cui l’editore della rivista comunica l’accettazione dell’articolo. Le domande potranno essere presentate direttamente dai ricercatori oppure congiuntamente con l´ente di ricerca al quale sono affiliati. Tutte le informazioni e la modulistica necessaria alla presentazione della domanda sono disponibili online sul sito http://www.provincia.bz.it/innovazione-ricerca/ alla voce Bandi.

 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
Meteo in Alto Adige

Puoi leggere anche

Più letti

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211