Menu

Pubblica amministrazione, la classifica dell’efficienza: in Italia comandano Trentino e Alto Adige

Pubblicato il 9 febbraio 2017 in Territorio

pubblica amministrazione  

Trentino e Alto Adige di gran lunga le migliori pubbliche amministrazioni della Penisola. All’interno di un quadro tutt’altro che confortante: la nostra Pubblica amministrazione arranca nei bassi fondi della classifica collocandosi al 17° posto su 23 paesi europei analizzati. Solo Grecia, Croazia, Turchia e alcuni paesi dell’ex blocco sovietico  presentano un indice di qualità inferiore al nostro. A guidare la classifica, invece, sono le amministrazioni statali dei paesi del nord Europa (Danimarca, Finlandia, Svezia, Paesi Bassi, etc.).

Questa graduatoria, segnala l’Ufficio studi della CGIA, ha come elemento di confronto un indice di qualità che è il risultato di un mix di quesiti posti ai cittadini che riguardano la qualità dei servizi pubblici ricevuti, l’imparzialità con la quale vengono assegnati e la corruzione.  Oltre ai dati medi nazionali, questa indagine consente di verificare anche le performance di ben 206 realtà territoriali. Il risultato finale è un indicatore che varia dal +2,781 ottenuto dalla regione finlandese  Åland (1° posto in Ue) al -2,658 della turca Bati Anadolu (maglia nera al 206° posto). Il dato medio Ue è pari a zero (vedi Tab. 2).

Tra le migliori 30 regioni europee, purtroppo, non c’è nessuna amministrazione pubblica del nostro Paese. La prima, ovvero la Provincia autonoma di Trento, si colloca al 36° posto della classifica generale. Di seguito troviamo la Provincia autonoma di Bolzano al 39°, la Valle d’Aosta al 72° e  il Friuli Venezia Giulia al 98°.

Appena al di sotto della media Ue si posiziona al 129° posto il Veneto, al 132° l’Emilia Romagna e di seguito tutte le altre regioni italiane. Pesantissima la situazione che si verifica al Sud: ben 7 regioni del Mezzogiorno si collocano nelle ultime 30 posizioni: la Sardegna al 178° posto, la Basilicata al 182°, la Sicilia al 185°, la Puglia al 188°, il Molise al 191°, la Calabria al 193° e la Campania al 202° posto. Solo Ege (Turchia), Yugozapaden (Bulgaria), Istanbul (Turchia) e Bati Anadolu (Turchia), presentano uno score peggiore della Pa campana.  Tra le realtà meno virtuose troviamo anche una regione del Centro, vale a dire il Lazio, che si piazza al 184° posto della graduatoria generale.

«Con una Pa di questo livello – segnala il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo – gli effetti negativi si fanno sentire anche nel settore privato. Quando ci rapportiamo con il pubblico i ritardi, le informazioni inesatte, le procedure inutilmente complicate o addirittura vessatorie sono all’ordine del giorno.  Tutto ciò si traduce in perdite di tempo e di denaro, magari per pagare consulenti in grado di aiutarci ad evadere tutta una serie di  pratiche burocratiche spesso ridondanti. Ne risentono sia i comuni cittadini sia le imprese, soprattutto quelle di piccola dimensione, con danni che si ripercuotono sul sistema-Paese».

Ovviamente, segnalano dalla CGIA, la responsabilità di tutto ciò non va “scaricata” su chi lavora nel pubblico. Anzi. I dipendenti pubblici spesso sono le vittime di questa situazione che non gli consente di lavorare con mezzi e risorse sufficienti per svolgere il proprio compito.

Conclude il Segretario della CGIA Renato Mason: «La sanità al Nord, le forze dell’ordine, molti centri di ricerca e istituti universitari  italiani presentano delle performance che non temono confronti in tutta l’Ue. Tuttavia è necessario  rendere più efficienti i servizi offerti dalle amministrazioni pubbliche, affinché siano sempre più centrali per il sostegno della crescita, perché migliorare i servizi vuol dire elevare il prodotto delle prestazioni pubbliche e quindi il contributo dell’attività amministrativa allo sviluppo del Paese».

Pubblica amministrazione: la classifica europea

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati European Commission (ANTICORP)

Posizione | Regione | Indice europeo qualità PA (EQI 2013)
1 Åland (Finlandia) +2,781
2 Midtylland (Danimarca) +1,761
3 Nordjylland (Danimarca) +1,756
4 Syddanmark (Danimarca) +1,689
5 Overijssel (Paesi Bassi) +1,636
6 Hovedstaden (Danimarca) +1,631
7 Etelä-Suomi (Finlandia) +1,598
8 Pohjois-Suomi (Finlandia) +1,596
9 Länsi-Suomi (Finlandia) +1,568
10 Östra Sverige (Svezia) +1,536
11 Södra Sverige (Svezia) +1,509
12 Itä-Suomi (Finlandia) +1,485
13 Sjaelland (Danimarca) +1,447
14 Friesland (NL) (Paesi Bassi) +1,428
15 Utrecht (Paesi Bassi) +1,426
16 Groningen (Paesi Bassi) +1,390
17 Norra Sverige (Svezia) +1,380
18 Tirol (Austria) +1,373
19 Zuid-Holland (Paesi Bassi) +1,368
20 Vlaams Gewest (Belgio) +1,318
21 Gelderland (Paesi Bassi) +1,316
22 Limburg (NL) (Paesi Bassi) +1,301
23 Flevoland (Paesi Bassi) +1,277
24 Zeeland (Paesi Bassi) +1,257
25 Noord-Brabant (Paesi Bassi) +1,238
26 Drenthe (Paesi Bassi) +1,201
27 Noord-Holland (Paesi Bassi) +1,196
28 Bretagne (Francia) +1,146
29 Steiermark (Austria) +1,118
30 Niederöstrerreich (Austria) +1,109
31 Schleswig-Holstein (Germania) +1,092
32 Lower Saxony (Germania) +1,062
33 South East England (Regno Unito) +1,062
34 Burgenland (Austria) +1,048
35 Bavaria (Germania) +1,045
36 Trento (Italia) +1,043
37 Rhineland-Palatinate (Germania) +1,026
38 Saarland (Germania) +1,019
39 Bolzano (Italia) +1,005
40 Alentejo (Portogallo) +1,004
41 London (Regno Unito) +1,003
42 Oberösterreich (Austria) +0,991
43 Baden Wuttemberg (Germania) +0,980
44 Centre (Francia) +0,948
45 Aquitaine (Francia) +0,939
46 Yorkshire-Humber (Regno Unito) +0,936
47 East of England (Regno Unito) +0,907
48 Border, Midland and Western (Irlanda) +0,906
49 Poitou-Charentes (Francia) +0,893
50 Midi-Pyrenees (Francia) +0,890
51 Kärnten (Austria) +0,870
52 Salzburg (Austria) +0,870
53 Auvergne (Francia) +0,862
54 Basse-Normandie (Francia) +0,855
55 Northwest England (Regno Unito) +0,853
56 Hessen (Germania) +0,840
57 Bremen (Germania) +0,834
58 Mecklenburg-Vorpommen (Germania) +0,831
59 Rhone-Alpes (Francia) +0,788
60 Saxony (Germania) +0,788
61 Hamburg (Germania) +0,767
62 Southern and Eastern (Irlanda) +0,758
63 Pays de la Loire (Francia) +0,739
64 N. Ireland (Regno Unito) +0,731
65 Alsace (Francia) +0,716
66 North Rhine Westphalia (Germania) +0,710
67 Limousin (Francia) +0,706
68 Northeast England (Regno Unito) +0,705
69 East Midland England (Regno Unito) +0,689
70 Franche-Comte (Francia) +0,668
71 West Midland England (Regno Unito) +0,655
72 Valle d’Aosta (Italia) +0,653
73 Região Autónoma dos Açores (Portogallo) +0,618
74 Scotland (Regno Unito) +0,615
75 Principado de Asturias (Spagna) +0,596
76 Brandenburg (Germania) +0,573
77 Cantabria (Spagna) +0,573
78 Ile-de-France (Francia) +0,552
79 La Rioja (Spagna) +0,536
80 Voralberg (Austria) +0,525
81 South West England (Regno Unito) +0,522
82 Languedoc-Roussillon (Francia) +0,517
83 Lorraine (Francia) +0,510
84 Región de Murcia (Spagna) +0,490
85 Thuringia (Germania) +0,488
86 Berlin (Germania) +0,470
87 Haute-Normandie (Francia) +0,466
88 Wien (Austria) +0,466
89 Pais Vasco (Spagna) +0,446
90 Bourgogne (Francia) +0,435
91 Comunidad Foral de Navarra (Spagna) +0,423
92 Comunidad de Madrid (Spagna) +0,419
93 Picardie (Francia) +0,403
94 Champagne-Ardenne (Francia) +0,403
95 Castilla y León (Spagna) +0,401
96 Wales (Regno Unito) +0,389
97 Saxony-Anhalt (Germania) +0,375
98 Friuli-Venezia Giulia (Italia) +0,373
99 Algarve (Portogallo) +0,337
100 Corse (Francia) +0,312
101 Extremadura (Spagna) +0,298
102 Nord – Pas-de-Calais (Francia) +0,286
103 Aragón (Spagna) +0,262
104 Brussels (Belgio) +0,202
105 Provence-Alpes-Cote d’Azur (Francia) +0,188
106 Wallonie (Belgio) +0,161
107 Bati Marmara (Turchia) +0,147
108 Dogu Karadeniz (Turchia) +0,127
109 Região Autónoma da Madeira (Portogallo) +0,118
110 Illes Balears (Spagna) +0,112
111 Centro (Portogallo) +0,049
112 Reunion (Francia) +0,022
113 Martinique (Francia) +0,021
114 Andalucia (Spagna) +0,018
115 Opolskie (Polonia) -0,001
116 Kujawsko-Pomorskie (Polonia) -0,042
117 Cataluña (Spagna) -0,051
118 Lisboa (Portogallo) -0,063
119 Jihovychod (Repubblica Ceca) -0,065
120 Bati Karadeniz (Turchia) -0,070
121 Castilla-La Mancha (Spagna) -0,093
122 Severoiztochen (Bulgaria) -0,111
123 Norte (Portogallo) -0,121
124 Jihozapad (Repubblica Ceca) -0,136
125 Comunidad Valenciana (Spagna) -0,151
126 Podlaskie (Polonia) -0,157
127 Severovychod (Repubblica Ceca) -0,183
128 Pomorskie (Polonia) -0,184
129 Veneto (Italia) -0,186
130 Lubuskie (Polonia) -0,195
131 Canarias (ES) (Spagna) -0,207
132 Emilia-Romagna (Italia) -0,217
133 Stedni Morava (Repubblica Ceca) -0,250
134 Warminsko-Mazurskie (Polonia) -0,266
135 Stredni Cechy (Repubblica Ceca) -0,285
136 Guadeloupe (Francia) -0,300
137 Zachodniopomorskie (Polonia) -0,312
138 Malopolskie (Polonia) -0,330
139 Praha (Repubblica Ceca) -0,336
140 Dunántúl (Ungheria) -0,374
141 Galicia (Spagna) -0,404
142 Západné Slovensko (Slovacchia) -0,434
143 Wielkopolskie (Polonia) -0,437
144 Stredné Slovensko (Slovacchia) -0,444
145 Lubelskie (Polonia) -0,458
146 Moravskoslezsko (Repubblica Ceca) -0,468
147 Güneydogu Anadolu (Turchia) -0,475
148 Kuzeydogu Anadolu (Turchia) -0,491
149 Umbria (Italia) -0,495
150 Swietokrzyskie (Polonia) -0,508
151 Toscana (Italia) -0,533
152 Guyane (Francia) -0,534
153 Marche (Italia) -0,535
154 Lombardia (Italia) -0,542
155 Lodzkie (Polonia) -0,563
156 Észak és Alföld (Ungheria) -0,578
157 Podkarpackie (Polonia) -0,582
158 Mazowieckie (Polonia) -0,614
159 Bratislavský kraj (Slovacchia) -0,646
160 Piemonte (Italia) -0,652
161 Nisia Aigaiou-Kriti (Grecia) -0,653
162 Východné Slovensko (Slovacchia) -0,707
163 Slaskie (Polonia) -0,722
164 Dolnoslaskie (Polonia) -0,728
165 Közép-Magyarország (Ungheria) -0,764
166 Severozapad (Repubblica Ceca) -0,820
167 Liguria (Italia) -0,848
168 Orta Anadolu (Turchia) -0,887
169 Voreia Ellada (Grecia) -0,906
170 Yuzhen Tsentralen (Bulgaria) -0,940
171 Kentriki Ellada (Grecia) -0,980
172 Akdeniz (Turchia) -1,056
173 Centru (Romania) -1,064
174 Attica (Grecia) -1,073
175 Abruzzo (Italia) -1,097
176 Kontinentalna Hrvatska (Croazia) -1,134
177 Jadranska Hrvatska (Croazia) -1,280
178 Sardegna (Italia) -1,307
179 Kosovo and Metohija (Serbia) -1,353
180 Dogu Marmara (Turchia) -1,385
181 Severen Tsentralen (Bulgaria) -1,391
182 Basilicata (Italia) -1,423
183 Sud-Muntenia (Romania) -1,478
184 Lazio (Italia) -1,512
185 Sicilia (Italia) -1,588
186 Vest (Romania) -1,591
187 Yugoiztochen (Bulgaria) -1,592
188 Puglia (Italia) -1,604
189 Nord-Vest (Romania) -1,630
190 Sud-Vest Oltenia (Romania) -1,659
191 Molise (Italia) -1,661
192 Nord-Est (Romania) -1,672
193 Calabria (Italia) -1,687
194 Vojvodina (Serbia) -1,811
195 Šumadija and Western Serbia (Serbia) -1,831
196 Southern and Eastern Serbia (Serbia) -1,854
197 Ortadogu Anadolu (Turchia) -1,897
198 Sud-Est (Romania) -1,931
199 Severozapaden (Bulgaria) -2,020
200 Belgrade (Serbia) -2,223
201 Bucuresti-Ilfov (Romania) -2,227
202 Campania (Italia) -2,242
203 Ege (Turchia) -2,358
204 Yugozapaden (Bulgaria) -2,598
205 Istanbul (Turchia) -2,608
206 Bati Anadolu (Turchia) -2,658

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Puoi leggere anche

Più letti

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211