Menu

Privacy e protezione dati personali, convegno a Bolzano

Pubblicato il 6 novembre 2018 in Agenda

privacy_dati_personali  

Come proteggere i propri dati personali e, concretamente, difendere la propria privacy facendo leva sul nuovo regolamento europeo in materia? Per spiegarlo in modo semplice e chiaro,  Europe Direct Alto Adige, in collaborazione con il Centro tutela consumatori utenti, organizza il seminario Proteggi i tuoi dati in programma per giovedì 8 novembre dalle 9.30 alle 12 nel cortile interno di Palazzo Widmann, a Bolzano. Al seminario, parteciperanno la direttrice della Ripartizione Europa Martha Gärber, il direttore del CTCU Walther Andreaus, nell’ambito dell’evento sono previsti interventi di Johann Maier, membro del Consiglio austriaco per la protezione dei dati personali, che tratterà i dettagli del nuovo regolamento e le sfide future da esso poste, nonché l’avvocato Lorella Bianchi, garante per la protezione dei dati personali, che affronterà nel dettaglio l’aspetto della tutela dei dati personali. L’incontro è aperto al pubblico e al termine degli interventi potrà porre domande in merito all’argomento trattato.

Privacy, cosa cambia

Il regolamento generale sulla protezione dei dati – adottato dalla Commissione Europea nel 2016 e divenuto operativo a partire dal 25 maggio scorso – si chiama General Data Protection Regulation (GDPR). Si tratta di nuove regole, in vigore nell’ambito dell’Unione Europea ma anche fuori dai suoi confini, in base alle quali tutti i soggetti che detengono e trattano dati personali – come ad esempio i gestori dei siti web – sono obbligati ad adeguare alle nuove disposizioni la propria gestione dei dati dei propri clienti e utenti. Ma non solo. «Il provvedimento rappresenta una pietra miliare nella storia dei diritti dei cittadini. Per questo è importante che ciascuno – sia egli un gestore di dati personali o un semplice utente che comunica i propri dati all’esercente di un servizio o al venditore di un bene – sia consapevole di tutte le implicazioni che il nuovo regolamento comporta» sottolinea Martha Gärber.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Puoi leggere anche

Più letti

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211