Menu

Frana al Brennero, riaperti gli svincoli dell’A22 e ferrovia, chiusa la statale: allerta maltempo

Pubblicato il 28 ottobre 2018 in Territorio

Maltempo: frana sull'A22, due macchine bloccate dal fango  

Una frana al Brennero caduta poco dopo le 18 di domenica ha provocato la chiusura dell’Autobrennero tra Vipiteno e il confine su entrambe le carreggiate per tutta la notte. Le auto coinvolte dalla caduta di fango e massi sono state evacuate ma è stata necessaria la chiusura dell’arteria verso Nord. Una persona si è ferita in modo lieve. E’ stata chiusa al traffico anche la statale tra Ponticolo e Colle Isarco. Chiusa e riaperta anche la Ferrovia, secondo quanto riporta l’Ansa. Questa mattina l’autostrada è stata riaperta al traffico. E’ stato solo l’epilogo di una giornata di grandi piogge che per lunedì sta portando, più a sud, in Veneto, alla chiusura preventiva delle scuole. In Alto Adige e Trentino sono sotto stretta osservazione i fiumi. Il Brenta in particolare è esondato dal suo alveo a Levico. In Trentino si lavora sia sulla diga di Santa Giustina per il Noce sia a Stramentizzo per l’Avisio con la possibilità di aprire la Galleria Adige Garda qualora il livello in città superasse i 5 metri. Lunedì notte è atteso il picco di precipitazioni con piena dei fiumi. In Alto Adige questa settimana le scuole sono chiuse per vacanze mentre il Trentino, a differenza del Veneto, non ha disposto la loro chiusura. Ad aggravare la situazione anche le temperature, previste ancora molto alte per la stagione: il limite delle nevicate, pur in discesa, arriverà ai 2.000 metri sul livello del mare. Sotto sarà pioggia.

Le strade chiuse in Trentino

SS 350 di Folgaria e di Val D’Astico dal km 20,000 loc. Carbonare di Folgaria al km 21,500 loc. Nosellari per smottamenti e da loc. Buse al km 24,000 al km 27,500 confine con provincia di Vicenza, per franamenti. La strada statale è chiusa anche dal Veneto.

SS 46 del Pasubio, chiusa oltre il passo delle Fugazze in provincia di Vicenza (indicazione di chiusura a Rovereto).

SP 34 del Lisano e Sesena per caduta massi tra bivio per Val D’Algone e loc. Rio Bianco di Stenico. Alternative SS 237 del Caffaro e SS 421 dei laghi di Molveno e Tenno.

SP 90 Destra Adige V tronco a nord dell’abitato di Roverè della Luna per caduta sassi lungo la SP 14 in provincia di Bolzano.

SP 31 del Passo Manghen, dal km 8,200 loc. Bivio per Musiera nel comune di Telve, fino al km 39,000 loc. Piazzol lato Val di Fiemme, per diversi smottamenti e riversamenti d’acqua in carreggiata.

SP 79 del Passo del Broccon al km 22,500 lato Vanoi, nel comune di Canal San Bovo, per schianto di alberi.

SP 56 di Caoria, tratto finale verso Refavaie, dal km 9,400 al km 10,600, nel comune di Canal San Bovo per esondazione torrente.

SP 221 della Val Noana al km 1,200, nel comune di Imer, per pericolo caduta sassi.

SP 138 del Passo della Borcola al km 4,500, a monte di loc. Incapo, nel comune di Terragnolo, per smottamento.

SP 133 di Monterovere dal km 2,000 dopo Caldonazzo al  bivio verso “Menador” al km 11,200 circa, innesto con SS 349 della Val D’Assa-Pedemontana Costo, per diversi smottamenti.

SP 250 di Valfloriana al chilometri 5,850 località Fior di Bosco per smottamento.

 

(foto: Ansa)

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Puoi leggere anche

Più letti

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211