Menu

Fiera dell’artigianato, vince una studentessa Unibz

Pubblicato il 13 marzo 2018 in Territorio

Doppelhocker1  

Come l’Araba Fenice. Il lavoro della studentessa di Unibz Miriam Schlägel ha ridato vita alla cenere con le sue piastrelle ash-tiles che hanno ricevuto il riconoscimento più ambito alla mostra speciale Talente 2018 nella categoria “Materiali e tecniche”. La Fiera Internazionale dell’Artigianato di Monaco di Baviera, IHM, ogni anno attira oltre 1.000 espositori ed è visitata da più di 130.000 persone. Dal 2008, la fiera comprende l’area “Artigianato & Design”, 10.000 metri quadrati nel padiglione B1, dove viene allestita anche la mostra speciale “Talenti”. Kuno Prey della Facoltà di Design e Arti è uno dei mentori dei talenti che vi espongono e quest’anno, per la selezione, ha inviato a Monaco di Baviera tre opere di altrettanti studenti unibz. Due di queste sono state esposte dal 7 al 13 di marzo, selezionate tra oltre 600 opere da tutto il mondo.

Sabato scorso, una giuria internazionale ha premiato le migliori tra le 110 opere in mostra, provenienti da 30 paesi. Una di queste è il lavoro di Miriam Schlägel ash-tiles: piastrelle ricavate dalla cenere, che hanno vinto come migliore creazione nella categoria “Materiali e Tecniche”.

Il lavoro di Miriam Schlägel

Ecco il concept di ash-tiles, piastrelle dalla cenere. «Il fuoco distrugge e crea e, nel processo, genera rifiuti: le ceneri. Ho creato delle piastrelle di cenere dalle proprietà fonoassorbenti e isolanti. Ho mescolato e pressato in uno stampo una miscela di ceneri di legno, calce e acqua. Le materie prime si trovano quasi ovunque nel mondo e le ceneri, che risultano dalla combustione di diversi tipi di legno e che possono avere diverse tonalità di colore, conferiscono a ciascun pavimento o rivestimento un aspetto inconfondibile; ogni piastrella è unica”.

ashtile

Alla mostra ha esposto anche Irene Delvai, altra studentessa: con Rol – doppio sgabello. Ovvero una struttura compostoada due sgabelli, un monopiede e un treppiede. Il monopiede, derivato dal classico sgabello da mungitura, è incastrato nel treppiede e può essere estratto all’occorrenza. Il padrone di casa è naturalmente libero di decidere quale sgabello offrire ai suoi ospiti. Entrambi gli sgabelli sono dotati di piedini in gomma appositamente progettati che permettono loro di poggiare saldamente su qualsiasi superficie. Gli sgabelli sono realizzati in legno di acero, protetto con cera naturale.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Puoi leggere anche

Più letti

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211